menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli occupanti abusivi fuori dall'ex asilo

Gli occupanti abusivi fuori dall'ex asilo

Trezzi incontra gli abusivi: «Legalità in cambio di soluzioni idonee»

Il sindaco di Cinisello Balsamo Siria Trezzi nella mattinata di martedì 2 dicembre ha fatto visita all'ex asilo di via Leonardo da Vinci e ha dialogato con gli occupanti abusivi. Ecco il suo resoconto

Il sindaco di Cinisello Balsamo Siria Trezzi nella mattinata di martedì 2 dicembre ha fatto visita all'ex asilo di via Leonardo da Vinci e ha dialogato con gli occupanti abusivi.

Questa la sua nota a margine dell'incontro: «Questa mattina ho incontrato insieme alle forze dell'ordine una delegazione composta da tre persone in rappresentanza delle famiglie, dell’Unione Inquilini e del Movimento Casa e Territorio che da sabato stanno occupando lo stabile di via Leonardo Da Vinci».

Continua il sindaco: «Dopo aver visionato tutti i casi con attenzione e aver fatto i dovuti riscontri con i servizi sociali è emerso che non tutti i nuclei familiari presenti nella struttura sono in una situazione di vera emergenza».

Sottolinea Trezzi: «Alcune famiglie erano già note ed era stato offerto loro un contributo per pagare le spese. In ogni caso siamo nuovamente disponibili a rivalutare a una a una le singole situazioni, ma senza prevaricazioni di sorta, in quanto confermo che non è accettabile la mancanza di rispetto delle regole».

Prosegue il sindaco: «Nello specifico, delle 9 famiglie occupanti, solo 4 si trovano senza casa per uno sfratto eseguito con possibilità di assegnazione di un alloggio in deroga (opzione che abbiamo messo sul tavolo), mentre le altre non sono prive di alloggio: tre famiglie hanno la procedura di sfratto non ancora eseguita, una addirittura non avviata, l’ultima famiglia non è residente in città».

Le famiglie in questione dovrebbero incontrarsi nel tardo pomeriggio di martedì 2 dicembre e fornire una risposta al sindaco in seguito all'incontro.

Chiude Trezzi: «Ciò che abbiamo proposto concretamente è l’impegno di affrontare le diverse situazioni singolarmente, nella loro specificità, alla ricerca della soluzione più idonea per ciascuno, a condizione, però, che venga ripristinata la legalità».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento