menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Enrico Zonca si rivolge alla Corte dei Conti

Enrico Zonca si rivolge alla Corte dei Conti

Zonca sul Fondo: «Ghezzi incapace o in malafede? Ti devi dimettere!»

Il consigliere comunale Zonca attacca l'assessore Ghezzi e la giunta sul Fondo di Solidarietà: «Sarà la Corte dei Conti a fare luce, attraverso il nostro esposto, nel quale abbiamo ben evidenziato le incongruità»

Arrivano subito le prime parole dell’opposizione alla tegola caduta su Cinisello Balsamo riguardo al Fondo di Solidarietà.

E va giù duro, senza mezzi termini, il consigliere comunale di “Cittadini Insieme” Enrico Zonca che replica alle spiegazioni dell’assessore Ghezzi.

Così Zonca: «Balle colossali. Come al solito i nostri "amministratori" fanno i finti tonti sapendo di mentire, perché la cifra stabilita per Cinisello Balsamo era già nota prima di far approvare in fretta e furia il bilancio di previsione 2014, con ben quattro consigli comunali convocati uno dietro l'altro alla fine di giugno».

Zonca porta le prove di quanto dice e mostra una tabella pubblicata sul sito del Ministero «almeno una settimana prima dell'approvazione del bilancio da parte del Consiglio comunale».

A pagina 27 si legge che la quota spettante a Cinisello Balsamo è di 3,4 milioni, con un aumento di 220.000 euro rispetto alla previsione precedente, che porta il fondo alla cifra totale di 14.813.643 euro.

Continua Zonca: «E invece cosa ci siamo ritrovati nel bilancio? Non un aumento, bensì una diminuzione di 244.000 euro, con un totale di 14.416.641 euro. Un "errore" di soli 400.000 euro».

Ancora Zonca: «Ma di errore non si può parlare, perché in più consiglieri avevano fatto notare ripetutamente a Ghezzi che questo bilancio non era conforme e che quindi erano necessarie delle sostanziali modifiche».

Attacca l’ex candidato sindaco: «Il 30 giugno i nostri bravi "amministratori", quelli che si danno da soli il voto "7", sapevano perfettamente che la cifra da stanziare a bilancio per il famoso fondo di solidarietà era di 400.000 euro in più di quanto da loro scritto, poiché la tabella per tutti i Comuni era già stata pubblicata dal Ministero il 24 giugno e il Decreto Legge era pure stato convertito in legge addirittura il 2 maggio».

Per Zonca delle due l’una: «Siamo di fronte a un assessore incapace oppure in malafede? Se fosse una questione di incapacità allora sarebbero doverose le sue dimissioni. Se invece fosse una questione di malafede, allora le dimissioni dovrebbe darle non solo l'assessore, ma l'intera giunta».

La chiosa finale è tutta un programma: «Sarà la Corte dei Conti a stabilirlo, attraverso il nostro esposto, nel quale abbiamo ben evidenziato le date di approvazione dei vari documenti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Al Policlinico si iniziano a chiudere i posti letto covid

  • Coronavirus

    Il Tar boccia quarantena lunga per giovane pallavolista

  • Attualità

    Milano con le città C40 per una ripresa verde e giusta

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento