Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Corsico

Corsico, chiuso il bar dell'omicidio di Diallo

Sigilli per trenta giorni al bar Erica di Corsico. Lì era nata la lite poi sfociata nell'omicidio di Assane Diallo, il senegalese ucciso il 16 giugno sera. A gennaio il locale era già stato chiuso

Lì, stando agli accertamenti degli investigatori, era nata la prima discussione tra vittima e killer. Proprio in quel luogo nel quale si erano incontrati più di una volta e che quel sabato sera si è trasformato nel teatro di una spietata esecuzione

I carabinieri di Corsico hanno chiuso il "bar Erica" di via Curiel per "ragioni di ordine e sicurezza pubblica". I militari hanno avvisato la titolare del bar - una cittadina cinese di quaranta anni, incensurata - nel pomeriggio di giovedì e hanno abbassato le saracinesche, che dovranno restare chiuse per trenta giorni. 

Il bar - che già a gennaio scorso era stato "fermato" per due settimane - è stato individuato dagli uomini dell'arma come abituale ritrovo di soggetti con precedenti penali e per questo il Questore di Milano, Marcello Cardona, ha dato parere favorele alla richiesta di sospensione della licenza. 

Precedenti penali li aveva anche Fabrizio Butà, 47 anni dei quali 15 passati in carcere per aver ucciso nell'agosto del 1998 un uomo a Milano

Il 16 giugno sera - proprio fuori dal bar, dopo una prima discussione all'interno -, Butà ha scaricato undici colpi di pistola contro Assane Diallo, senegalese di 54 anni, morto sul colpo. Alla base della follia, come raccontato dallo stesso assassino, una mancanza di rispetto della vittima nei confronti della compagna del killer e il successivo rifiuto di chiedere scusa.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsico, chiuso il bar dell'omicidio di Diallo

MilanoToday è in caricamento