rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Corsico Corsico

Corsico, GdF scopre giro di false fatturazioni

Un giro di false fatturazioni scoperto a Corsico dalla Guardia di Finanza per oltre 8 milioni di euro. L’attività scelta per truffare l’Erario è, questa volta, la compravendita di bovini vivi tra Francia e Italia

La Guardia di Finanza di Corsico ha scoperto un giro di false fatturazione per oltre 8 milioni di euro. L’illecito riguarda la compravendita di bovini vivi e ha portato alla denuncia di 5 persone: tutte accusate di associazione a delinquere, emissione di fatture false e turbativa del mercato.

Le fatture erano emesse da una persona fisica che risulta non aver mai versato contributi all’erario e che nel 2007 non avrebbe presentato la dichiarazione dei redditi.

La società che avrebbe dovuto occuparsi dell’attività di compravendita dei bovini è risultata senza nessuna struttura aziendale, nonostante l’ingente fatturato e la necessità di spazi per i bovini. In pratica la truffa si svolgeva in questo modo: la persona fisica effettuava acquisti intracomunitarie di capi di bestiame da una società francese, senza l’Iva, per poi rivenderli con l’imposta sul valore aggiunto, a diverse società sul territorio nazionale. In questo modo l’Iva non veniva versata mai nelle casse dell’Erario.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsico, GdF scopre giro di false fatturazioni

MilanoToday è in caricamento