CorsicoToday

Banda delle banche in manette: supportava il clan Barbaro - Papalia

In poco più di un anno avevano messo a segno colpi nelle banche di Rozzano, Locate di Triulzi, Lainate, Cusago, Corsico e Bareggio. Erano riusciti a raggranellare 50mila euro, ma questa mattina i carabinieri di Corsico hanno messo le manette alla banda. Si tratta di 5 italiani

Questa mattina, i carabinieri di Corsico hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Tribunale di Milano, nei confronti di 5 italiani accusato di rapine in banca e di spalleggiare il clan dei Barbaro-Papalia. L'operazione è stata denominata Banda Mazzone.

I carabinieri, in conferenza stampa, hanno spiegato i dettagli dell'indagine. Gli arrestati sono Nicola Carbone, 45 anni, Franco Michele Mazzone, 45 anni, Adriano Zibardi, 39 anni e Alessandro Scalia, 33 anni di Corsico e Benedetto Mascari, 38 anni di Buccinasco. I cinque sono stati colti in flagranza di reato mentre, a Rozzano, stavano compiendo una rapina in concorso, lo scorso febbraio, e sono stati portati in carcere. Le indagini hanno poi imputato al quintetto altre 10 rapine nei Comuni di Locate di Triulzi, Lainate, Cusago, Corsico e Bareggio.
  La banda è accusata di 10 rapine, 50mila euro il bottino  

La banda era strutturata e gerarchicamente organizzata: i capi erano Mazzone e Carbone. Rodata anche la tecnica per svaligiare le banche: Carbone entrava nella filiale in abito elegante e Carbone vestito da meccanico. Dopo aver immobilizzato i dipendenti e i clienti minacciandoli con taglierini o pistola, Carbone si impossessava dell'incasso e poi i due fuggivano. Ad attenderli fuori, gli altri tre malviventi: avevano il ruolo di palo e di autista.

I proventi delle rapine – spiegano i carabinieri – servivano per finanziare il gruppo e per l'acquisto di droga. I soldi venivano impiegati anche per comprare armi e pagare le prestazioni di prostitute in Italia e in Svizzera.

L'attività di rapinatori dei due capi è stata comunque catalogata come “secondaria” dagli inquirenti, poiché Mazzone e Carbone già fornivano supporto logistico al clan dei Barbaro-Papalia, per conto del quale avevano eseguito reati intimidatori come minacce, danneggiamenti e incendi dolosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento