Rogoredo Corvetto Corvetto / Via Bessarione

Ubriaco, urla in strada: poi brucia un’auto e una moto

Arrestato

Foto repertorio

Prima ha iniziato a urlare, parlando un po’ in arabo e un po’ in italiano, al centro della strada. Poi, dalle parole è passato ai fatti, e ha dato alle fiamme un’auto e una moto. 

Serata di paura, quella di giovedì, in via Bessarione - zona Corvetto a Milano -, dove un uomo ha appiccato un incendio in strada bruciando una macchina e una motocicletta che erano in sosta. 

Poco prima delle 21.30, secondo quanto riferito dalla Questura, il piromane - un cittadino marocchino senza fissa dimora di trentasette anni - ha cominciato a urlare sotto le finestre dei residenti, giurando di voler bruciare tutto. Dopo pochi minuti, lui stesso avrebbe quindi imbevuto alcuni stracci di alcol e li avrebbe poi incendiati, posizionandoli tra una moto e un’auto. 

I poliziotti, allertati dai cittadini che vivono nella strada, sono subito intervenuti e hanno fermato il trentasettenne, ora accusato di incendio. 

Brucia il bar: arrestato in via Bessarione

Proprio in via Bessarione, nella tarda mattinata di giovedì, era finito in manette un cittadino marocchino accusato di aver bruciato un bar in via Panigarola, a poche centinaia di metri da lì.

L’uomo, avevano accertato gli agenti della Questura, aveva litigato con il titolare del locale per alcune birre non pagate e, dopo essere stato allontanato, era tornato sul posto con due taniche di benzina a un accendino per portare a termine la sua vendetta. 

Nel rogo, che ha praticamente distrutto il bar, erano rimaste lievemente intossicate tre persone. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco, urla in strada: poi brucia un’auto e una moto

MilanoToday è in caricamento