Lunedì, 15 Luglio 2024
Viale Molise Via Vismara Don Aurelio

Case del mercato del pollame: abitanti sotto sfratto

Avevano il contratto sotto la gestione diretta del Comune, ora - con Sogemi - risultano "occupanti senza titolo". Il caso

Vivono nelle case attorno al mercato del pollame, nel quartiere dell'Ortomercato, ma sono sotto sfratto: la Sogemi, azienda che gestisce tutti i mercati generali di Milano, vuole liberare quelle abitazioni a cui si accede da via Maspero e via Vismara. Diciassette famiglie sono "in trincea".

La storia è piuttosto intricata: in origine (prima degli anni Trenta) gli edifici erano stati destinati ai lavoratori del mercato avicunicolo in via di formazione. Proprietario era il Comune di Milano, che successivamente ha assegnato alcuni degli alloggi a famiglie in arrivo in città con la prima ondata migratoria dal Mezzogiorno. Negli anni Ottanta il Comune ha trasferito la gestione degli immobili a Sogemi. E qui è iniziato il guaio.

Sembra infatti che il trasferimento sia avvenuto "senza contratti": cessati quelli degli inquilini con il Comune di Milano, non ne sono partiti altrettanti con Sogemi, portando alla paradossale situazione che le famiglie si sono trovate improvvisamente "occupanti senza titolo", pur continuando a versare i canoni di locazione. E proprio questo paradosso sarebbe alla base del tentativo attuale di Sogemi di "cacciare" gli abitanti dalle loro case.

E qui s'inserisce ancora il Comune: la giunta precedente, quella di Giuliano Pisapia, ha deliberato la restituzione a Palazzo Marino degli imobili, liberi da cose e persone. Di conseguenza Sogemi sta cercando di liberare le case per rispettare questa delibera e procedere con la restituzione.

Chi abita nelle case del mercato avicunicolo lamenta però che questo improvviso interesse, da parte del Comune di Milano, non sarebbe attualmente supportato da modifiche al piano di governo del territorio o comunque da progetti sul futuro dell'area. A ciò si aggiunge che non vi sarebbe, per ora, una formale promessa di assegnazione di una casa popolare alternativa. Soluzione che, comunque, diversi residenti non gradiscono. «Una casa ce l'abbiamo», dicono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case del mercato del pollame: abitanti sotto sfratto
MilanoToday è in caricamento