Sabato, 16 Ottobre 2021
Viale Molise Ortomercato / Via del Turchino

Via del Turchino si colora con i murales sulle case popolari

Il progetto vincitore di Bando periferie 2018

E' stato ultimato il trittico di murales in via del Turchino (zona Molise-Calvairate), all'interno del quartiere Ponti, che rappresenta la scritta "Ama" su tre pareti di altrettanti edifici. Si tratta del progetto Bloop Experience, tra i vincitori del Bando periferie 2018. I "colpi d'occhio" sono di circa 4 metri per 15, uno dietro l'altro, dipinti con vernici acriliche.

Servono non solo ad animalre la strada e gli edifici, ma anche a dare un messaggio "forte" e raccontare storia, desideri e vissuto di chi li abita, attraverso alcune parole chiave raccolte dialogando coi residenti e inserite dagli artisti nei murales.

"Ama" è intesa come imperativo del verbo "amare". Un concetto nato attraverso gli incontri avuti con le persone che popolano un quartiere obiettivamente complesso: dagli anziani residenti fin dall'edificazione delle palazzine (1938-1941) ai bambini. "La nostra attenzione si rivolge prioritariamente alle famiglie che abitano le nostre case, ma riuscire a trasformare i muri grigi in un percorso d'arte mi sembra meraviglioso", è il commento di Gabriele Rabaiotti, assessore alla casa del Comune di Milano.

"Vorremmo che i muri di via del Turchino fossero un punto di partenza dal quale creare un percorso al contrario, che dalla periferia va verso il centro, contribuendo ad animare i margini della città facendoli vivere di nuova luce. Vorremmo stimolare la gente che ama la creatività a seguire un percorso ricco di opere che negli anni rappresenterebbero un vero e proprio itinerario dell’arte che induca i curiosi a scoprire le opere, non solo in centro ma anche in periferia", spiega Matteo Amadio di Biokip Labs, direttore artistico del progetto, parlando di "nuovo modello di marketing turistico e culturale".

Gli artisti che hanno realizzato il progetto sono Said Dokins, messicano, conosciuto soprattutto per i suoi calligrafiti in spazi pubblici, tra cui un intervento per il Museo di arte urbana e contemporanea Muca, il più grande murale di Monaco, e SpY, street artist di nazionalità spagnola che trae molta della sua ispirazione dall'osservazione dei centri urbani, alla cui ridefinizione contribuisce con consapevole ironia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via del Turchino si colora con i murales sulle case popolari

MilanoToday è in caricamento