rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Città Studi Città Studi / Via San Benigno

Via San Benigno, chiude il mercato ma restano gli ambulanti

Cinque bancarelle ancora presenti al mercoledì: pagano il triplo e devono portare via tutti i rifiuti. "Ma se le auto occupano i posti, il carro attrezzi non esce più"

In via San Benigno, ufficialmente, non c'è più il mercato del mercoledì: è chiuso dal 31 dicembre 2012. Troppe poche bancarelle, troppo alti i costi dello smaltimento dei rifiuti chiesti dall'Amsa. Ma alcuni ambulanti ci sono ancora. Tutto secondo le leggi, ovviamente.

Erano otto gli ambulanti regolari, a cui si aggiungevano alcuni che - a quanto sembra - pagavano il dovuto soltanto quando c'erano controlli, cioè una volta ogni tanto. Di questi otto, tre hanno accettato destinazioni alternative. Cinque, invece, non ne hanno voluto sapere. E così il comune ha proposto loro di trasformare la postazione di mercato in posto fisso, ogni mercoledì, per dodici ore a scelta. Ad esempio dalle otto e mezza di mattina alle otto e mezza di sera. Pagando il triplo di prima, quindi circa 1.200 euro all'anno anziché 400, e garantendo di non lasciare nemmeno un rimasuglio di rifiuti, perché Amsa - non essendoci più il mercato - non passa più a pulire.

Cinque ambulanti hanno accettato e ora "animano" via San Benigno ogni mercoledì. "Sono affezionata a questa via", dice a MilanoToday una merciaia che abbiamo incontrato mercoledì 16, verso le sette di sera, mentre cominciava a rimettere nel camioncino le sue confezioni di intimo. A quell'ora era rimasta da sola. "Paghiamo il triplo di prima ma per il momento ci va bene, poi faremo i nostri conti".

E la gente del quartiere (via Amadeo, via Tajani, via Marescalchi) sembra gradire. "Due signore sono venute mezz'ora fa e mi hanno detto che si erano vestite apposta per vedere se c'ero ancora", racconta sempre la merciaia. E non sono le sole. Nel quartiere nessuno voleva che il mercato chiudesse, ma i costi per il comune erano diventati insostenibili. 75mila euro all'anno, più o meno. In consiglio comunale Palmeri (Nuovo Polo) e Lepore e Morelli (Lega) avevano provato a chiedere all'amministrazione se si era fatto qualcosa per cercare di ridare vita al mercato, ad esempio provando a riassegnare gli stalli rimasti vuoti nel tempo. Ma il destino sembrava segnato.

E invece alcune bancarelle resistono. La merciaia conclude: "Per quanto mi riguarda, se questo posto non varrà più la pena, vorrà dire che me lo ripagherò con gli altri mercati che faccio altrove. Ripamonti al venerdì o Tabacchi al sabato, ad esempio. Il problema è che, se mi trovo le macchine parcheggiate nel mio posto al mercoledì, adesso il carro attrezzi non esce più".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via San Benigno, chiude il mercato ma restano gli ambulanti

MilanoToday è in caricamento