rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Città Studi Città Studi / Viale Romagna

De Corato: "482 clandestini fermati dall'inizio dell'anno"

L'ultimo episodio stanotte: un 33enne marocchino, senza documenti in regola per la permanenza in Italia, è stato arrestato dopo "9 identificazioni o reati". Il vicesindaco: "Tasso di recidiva altissimo"

"In seguito a un controllo stradale la polizia Locale di Milano ha arrestato un clandestino marocchino di 33 anni nato a Casablanca. L'extracomunitario era rimasto coinvolto nella notte in un sinistro in viale Romagna, riportando ferite guaribili in 10 giorni. A seguito di accertamenti è risultato non avere rispettato un decreto di espulsione emesso dalla questura di Milano. In passato era già stato fermato 9 volte per identificazioni o reati in particolare per spaccio di droga, furto e vendita di merce contraffatta. E' in Italia dal 2007. Un secondo clandestino, un moldavo di 32 anni, è finito in manette dopo che è stato trovato dai vigili in via Padova ubriaco e alla guida di un 'auto senza patente".

"482 CLANDESTINI FERMATI DALL'INIZIO DELL'ANNO" - Lo comunica il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato. "Sono 482 i clandestini fermati da inizio anno a Milano dalla polizia locale - spiega De Corato - . E come documentano i riscontri sui fermi di polizia questi soggetti hanno alle spalle denunce o arresti per reati che destano allarme sociale, furti, rapine, spaccio di droga. La lotta alla clandestinità è dunque fondamentale per la sicurezza della città. E i risultati dimostrano che i vigili stanno egregiamente garantendo il controllo del territorio della Milano d'agosto quando notoriamente aumentano i malintenzionati che pensano di approfittare del periodo di vacanza di molti residenti".

INASPRIMENTO MISURE CONTRO CLANDESTINITA' - "Ed è importante - sottolinea De Corato - che il ministro La Russa abbia sostenuto l'importanza di un inasprimento delle misure di contrasto ai clandestini. Anche perché il tasso di recidiva è altissimo. Dopo che la Consulta ha dichiarato illegittima l'aggravante clandestinità varato dal 'pacchetto' sicurezza serve un nuovo giro di vite. E quello che stanno facendo Sarkozy in Francia o gli Usa al confine con il Messico dimostra che in tema di contrasto ai flussi irregolari tutto il mondo è paese. Per la sicurezza delle metropoli, al di là delle prese e di posizioni strumentali e ideologiche, c'è una linea ampiamente condivisa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Corato: "482 clandestini fermati dall'inizio dell'anno"

MilanoToday è in caricamento