menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nutria (foto Pixabay)

Nutria (foto Pixabay)

Lambrate, nutrie prese e uccise. Oipa: "Basta metodi cruenti. Milano impari da Torino"

L'associazione chiede al sindaco di Milano Beppe Sala e al Comune una gestione diversa che passi per la sterilizzazione degli animali

Organizzazione internazionale protezione animali vs Comune e sindaco per la gestione della popolazione di nutrie al cimitero di Lambrate. È quanto sta accadendo in questi giorni dopo che l'associazione animalista ha contestato formalmente le uccisioni di diversi esemplari che sono stati catturati e poi 'gasati'.

L'invito rivolto da Oipa all'amministrazione comunale è quello di procedere al contenimento del piccolo gruppo di esemplari con un piano di sterilizzazione e spostamento, metodo alternativo previsto dalla normativa di settore. Al tal fine il presidente nazionale dell'associazione Massimo Comparotto, ha inviato una lettera indirizzata al sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e alle Direzioni comunali coinvolte nelle operazioni di 'eradicazione'.

"Milano prenda esempio da Torino -  afferma Francesca Collodoro, delegata dell’Oipa di Milano -. La Città Metropolitana di Torino nel 2018 ha attuato un progetto, al quale la stessa Oipa ha partecipato insieme ad altre associazioni animaliste, che ha evitato l’abbattimento delle nutrie. La volontà comune di trovare strategie non cruente per il contenimento degli animali ha portato all’attuazione della proposta elaborata dal Centro animali non convenzionali (Cnc) della facoltà di Medicina veterinaria dell’Università di Torino. E così gli esemplari sono stati sterilizzati in laparoscopia direttamente sul posto con un furgone attrezzato da clinica veterinaria mobile".

La proposta di Oipa è quindi quella di procedere alla sterilizzazione delle nutrie e all'allestimento di reti di protezione nel cimitero per evitare la circolazione sia di questi roditori sia di altri animali selvatici. "Non vi è alcuna necessità di procedere alle uccisioni, secondo quanto previsto nel piano di eradicazione del Comune di Milano: non vi sono danni effettivi a colture e ad argini - fa notare Collodoro -. Le nutrie vengono eliminate nelle camere a gas solo per la presenza di escrementi sul posto. È chiaro che il problema potrebbe essere risolto in modo incruento".

Il Piano di gestione della nutria (Myocastor coypus) redatto dal Ministero dell’Ambiente e dall’Ispra - conclude l'associazione in una nota - non esclude che interventi condotti mediante cattura, sterilizzazione chirurgica e successiva liberazione possano essere utilizzati su nuclei numericamente contenuti ed ecologicamente isolati, come la colonia del cimitero di Lambrate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento