Porta Venezia Porta Venezia / Via Giuseppe Sirtori

Via Sirtori, ultimo colpo in farmacia per il cocainomane evaso

Era solito rapinare farmacie facendo irruzione con un coccio di bottiglia e poi si confondeva fra i clochard di Porta Venezia. Ma ieri ha messo a segno il suo ultimo colpo: è stato arrestato

Mosè, 31 anni, è finito in manette. Negli ultimi giorni aveva preso di mira le farmacie milanesi: in 72 due ore ne aveva rapinate tre, armato di un coccio di bottiglia. Si faceva consegnare l'incasso e poi si confondeva fra i clochard di Porta Venezia. Ma ieri, nell'esercizio di via Sirtori, per Mosè era stato l'ultimo colpo. Ha tolto 200 euro dalla cassa, ha rapinato di 1800 euro un cliente e poi è stato arrestato dagli agenti, bloccato a poca distanza dalla farmacia.


Mosè è stato riconosciuto dalle foto estrapolate da alcuni fotogrammi: le telecamere di sorveglianza delle farmacie che aveva saccheggiato lo avevano immortalato. Dipendente dalla cocaina, il ragazzo era evaso lo scorso luglio da Bollate dove era tenuto agli arresti domiciliari. Figlio di un pregiudicato noto per sequestri di persona, Mosè ha ammesso le tre rapine ma le forze dell'ordine sospettano che ci possa essere la sua mano anche dietro altri colpi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Sirtori, ultimo colpo in farmacia per il cocainomane evaso

MilanoToday è in caricamento