menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Salvini (rickydema/Instagram)

Matteo Salvini (rickydema/Instagram)

Vendita Franco Tosi, Salvini: «Bisogna fare in fretta»

Il leader della Lega Nord nel pomeriggio di martedì ha incontrato lavoratori e sindacati della storica fabbrica legnanese a rischio chiusura

«Commissario e Governo devono sbrigarsi, entro una settimana bisogna decidere. L’azienda rischia di chiudere e non possiamo permettercelo». Queste le parole di Matteo Salvini sulla franco che martedì pomeriggio ha incontrato i lavoratori e sindacati della Franco Tosi, storica azienda legannese che produce turbine.

L’azienda è a rischio chiusura e da circa un anno è stata commissariata. Qualcuno però è interessato all’azienda legnanese. Lunedì il commissario straordinario Andrea Lolli ha aperto le buste delle quattro società interessate all’acquisto: Termomeccanica, De Pretto, Presezzi e l’indiana Patel.

Secondo Salvini bisogna fare in fretta: «Si è perso già troppo tempo. C'è un imprenditore che vuole prendere l'azienda, investire 30 milioni e mantenere 330 posti di lavor. Mi auguro che Renzi passi poco tempo durante le feste a pensare alla legge elettorale per farsi rieleggere e passi tanto tempo per aiutare le imprese in difficoltà. Mi auguro che il governo si dia una mossa e che entro una settimana arrivi dal commissario una risposta seria».

Il leader della Lega ha dichiarato che il Carroccio «non ha barriere, né steccati ideologici» nei confronti delle forze sindacali. «In alcune vertenze abbiamo lavorato con la Cisl, nella vertenza Tosi i delegati Fiom hanno lavorato con le idee più chiare e i progetti più utili. Quindi uno può essere — ha concluso — bianco, giallo, rosso o verde, se però ha delle idee buone io lo sostengo». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento