Legnano

Capotreno aggredita da uomo senza biglietto: inseguita tra i vagoni e minacciata col coltello

L’aggressione su un treno della Varese-Treviglio. L’uomo è poi fuggito a Legnano

Quando gli ha chiesto il biglietto, lui ha iniziato a urlare e insultarla. Poi, non contento, l’ha inseguita tra i vagoni. Quindi, una volta che l’ha raggiunta, l’ha minacciata con un coltello puntato allo stomaco. 

Folle, ennesima, aggressione su un treno Trenord. A farne le spese, domenica pomeriggio, è stata una giovane capotreno - una ragazza ventenne da poco assunta -, che era in servizio su un convoglio della linea Varese-Treviglio. 

Alla semplice richiesta del biglietto, stando a quanto finora ricostruito, l’uomo ha reagito in malo modo e dopo aver insultato e minacciato la ventenne, si è messa alla sua caccia tra i vagoni. La fuga della vittima è terminata nell’ultima carrozza, dove l’aggressore l’ha raggiunta e le ha puntato un coltello alla pancia. 

Fortunatamente, proprio in quel momento, il treno è arrivato a Legnano e l’uomo ha approfittato dell’apertura delle porte per fuggire. 

Non è la prima volta, purtroppo, che i treni regionali si trasformano in teatri di minacce e aggressioni contro i dipendenti Trenord. Lo scorso 24 luglio, proprio i ferrovieri avevano scioperato per chiedere maggiore sicurezza e maggiore tutela.

Quell’agitazione era stata indetta dopo che un capotreno - così aveva raccontato - era stato accoltellato su un treno Piacenza-Milano da “un uomo di colore poi fuggito”. In realtà, la “vittima” aveva inventato tutto e aveva spiegato di averlo fatto proprio per accendere i riflettori sul rischio del suo mestiere

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capotreno aggredita da uomo senza biglietto: inseguita tra i vagoni e minacciata col coltello

MilanoToday è in caricamento