LegnanoToday

Cantalupo cerca di tornare alla normalità: riaperte le scuole

Nella mattinata di lunedì i bambini della scuola dell'infanzia e della primaria sono tornati tra i banchi. Resta la ferita, l'amministrazione: «Stop ai mezzi pesanti»

Pompieri sul luogo dell'esplosione

Si cerca di tornare alla normalità a Cantalupo, frazione di Cerro Maggiore dove lo scorso mercoledì è esplosa un’abitazione a causa di una fuga di gas. Nella mattinata di lunedì sono state riaperte sia la scuola dell'infanzia che la scuola primaria, chiuse da giovedì a causa dell'interruzione della fornitura di metano.

La ferita è ancora aperta. L’area attorno a via Manara, dove è esplosa la casa di Virginia Bollati, la vittima della tragedia, è ancora sotto sequestro. Non solo: l’amministrazione comunale, come misura precauzionale, ha vietato la circolazione dei mezzi pesanti nella frazione. «Gli autotrasportatori — si legge in una nota diffusa dal comune — sono invitati ad invidiare percorsi alternativi». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento