Legnano

"Il parco agricolo è l'inizio di una nuova storia", 280mila mq contribuiranno alla svolta di Legnano

Ieri sera, 9 febbraio, si è svolto nella "Bottega di Giuseppe" il primo seminario sul parco agricolo ovest, tema che sta molto a cuore a Giuseppe Marazzini, autocandidato sindaco di Legnano

Giuseppe Marazzini, autocandidato sindaco, ha introdotto il primo seminario sul parco agricolo

Riappriopriarsi della terra, ritornare alle origini quando l'umanità interagiva con la natura tramite un legame mistico, intimo e indissolubile. Legame che nei decenni è andato perduto. Giuseppe Marazzini, autocandidato sindaco per Legnano, vuole riconquistare con il progetto del parco agricolo Legnano ovest, oggetto del primo seminario che si è svolto ieri sera, 9 febbraio, nella "Bottega di Giuseppe".

"L'idea di questo parco - spiega - è nato nel contesto del dibattito sul pgt. I 280mila mq la giunta li voleva destinare ad area industriale e io mi sono chiesto il perchè non destinarli all'agricoltura ridando ad essa valore e creare così un'alternativa che sia una svolta per la città. Il parco può dare sbocchi concreti ai giovani, riattivando l'economia e il mercato del lavoro".

Il docente d'urbanistica del Politecnico di Milano Giorgio Ferraresi ha spiegato quanto l'idea sia importante. "In un'epoca d'agonia del terrritorio si intravede un ritorno alla natura, alla sua riscoperta. Il parco agricolo è l'inizio di una nuova storia, bisogna rigovernare la produzione, ricominciare a produrre cibo, materiale ed energia, ricavati dalla peculiarità del territorio. Bisogna avere consapevolezza e crederci fino in fondo", dichiara.

Il progetto è ambizioso e in fase primitiva, ma l'interesse dimostrato dalle persone, circa una trentina, intervenute alla serata fa bene sperare che esso possa avere le gambe per camminare. Nel momento dedicato alle domande e agli interventi, sono emersi degli spunti interessanti. Un ragazzo ha voluto far luce sul ricaduta sociale, nominando le scuole le cui mense potrebbero beneficiare degli alimenti prodotti dalle aziende agricole che aderiranno.

Tutti i settori dell'economia potranno essere coinvolti. L'agricoltura, l'industria e i servizi così che la città di Legnano possa autosostenersi contando che i benefici di questa operazione saranno immediati.

 

 

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il parco agricolo è l'inizio di una nuova storia", 280mila mq contribuiranno alla svolta di Legnano

MilanoToday è in caricamento