Legnano

E quegli insoliti battitori d'asta all'ospedale, i Legnanesi

Ieri sera, 23 maggio, si è svolta in ospedale l'asta di beneficenza dei 62 dipinti che adornavano i corridoi del nosocomio. I Legnanesi sono stati i battitori d'eccezione

Sono stati venduti tutti. Nessuno dei 62 dipinti degli studenti del liceo artistico "Paolo Candiani" di Busto Arsizio, che adornavano i corridoi del nosocomio legnanese, è rimasto invenduto. 

Ieri sera, 23 maggio, infatti, si è svolta l'asta di beneficenza che ha visto degli insoliti battittori d'asta, i Legnanesi che hanno anch'essi acquistati tre quadri. Antonio Provasio, in arte la Teresa, Enrico Dalceri, la Mabilia e Luigi Campisi, il Giuan, tra sketch esilaranti sono riusciti ad ottenere un importante risultato, 4800 euro che andrà a finanziare la creatività degli studenti del liceo, già pronti con altri 22 opere, e l’accoglienza dei pazienti dell’ospedale di Legnano. 

Alla serata hanno partecipato medici, infermieri, il cavaliere del carroccio Gianfranco Bononi, il presidente della banca di Legnano Federico Arosio, il gran maestro del palio Romano Colombo, ma anche alcuni pazienti. 

"Ci voleva il talento dei Legnanesi per rendere meno “doloroso” il distacco dei dipinti dalle nostre pareti - ha dichiarato Carla Dotti il direttore generele dell'AO di Legnano -. Ieri abbiamo da loro ricevuto un grandissimo dono: quando l’intelligenza, la sagacia e il saper incontrare tanti tipi di pubblico si mettono a servizio del nostro Ospedale, non possiamo che sentirci lusingati. Conosciamo da tempo la bravura di questi artisti. Non li avevamo mai visti in un contesto diverso di quello delle corti, dei battibecchi fra comari, delle schermaglie familiari. Hanno accettato un palcoscenico diverso e un ruolo diverso, come si dice (forse con espressione un poco abusata) “mettendosi in gioco”. E il gioco è stato vincente, sotto tutti i profili. Non possiamo dunque che ringraziarli di cuore, per essere stati al nostro fianco, per aver condiviso il nostro sentire”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E quegli insoliti battitori d'asta all'ospedale, i Legnanesi

MilanoToday è in caricamento