menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I nomadi a Villastanza (foto Gemme)

I nomadi a Villastanza (foto Gemme)

Parabiago: allontanati i nomadi

I gitani, arrivati in città nella serata di martedì, sono stati allontanati dagli agenti della polizia locale

La polizia locale, nella serata di giovedì, ha sgomberato i nomadi che lo scorso martedì si erano insediati a Parabiago. La carovana è stata accompagnata da diverse pattuglie della polizia locale dell'asse del Sempione fino all'imbocco dell'autostrada Milano-Torino.

Tutto è iniziato intorno alle 17 quando il comandante della polizia locale di Parabiago si è presentato sul posto. Morelli ha notificato ai gitani un verbale di accertamento per violazione dell’articolo 27 del Regolamento di Polizia Urbana, che vieta sulle aree pubbliche e private la dimora con tende, roulotte e camper a fini abitativi e prescrive lo sgombero forzato, qualora l’insediamento abusivo dovesse protrarsi oltre i due giorni.

Tuttavia "Il dialogo con loro non è stato fra i più sereni — ha spiegato il comandate Morelli —. Fingevano di non comprendere le nostre parole, probabilmente per cercare di prendere tempo". Così alle 17.30 trenta vigili provenienti dai comuni appartenenti all'asse del Sempione sono arrivate a Parabiago a dare man forte agli agenti di polizia locale. Non solo: anche una pattuglia dei carabinieri ha seguito le operazioni.

I tutori della legge hanno scortato la carovana sino all'imbocco dell'autostrada Milano-Torino. "A nome personale, del sindaco Borghi e dell’assessore alla polizia locale, Luca Ferrario — ha dichiarato Morelli — desidero ringraziare le amministrazioni comunali e i colleghi delle varie polizie locali che, con prontezza e abnegazione, hanno aderito alla nostra richiesta di ausilio. Questa — prosegue Morelli — non solo un’ulteriore dimostrazione che il patto fra i comuni funziona, ma ha costituito anche un buon banco di prova per affrontare nuove emergenze. Concludo precisando che questa sarà la modalità con cui agiremo anche in futuro, di fronte a eventuali nuovi insediamenti abusivi di una certa entità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento