Legnano

"Volevo salvarla, si droga": due arresti per stalking a Legnano

La polizia arresta A.G., classe '67, e R.R, classe '81, entrambi per stalking. "Volevo salvarla si droga, frequenta cattive compagnie", si è giustificato il 30enne

Commissariato della polizia di Stato a Legnano

"Volevo salvarla, si droga e frequenta cattive compagnie", così si è giustificato R.R, classe '81 incensurato, arrestato per stalking dagli uomini del vicequestore Antonio D'Urso. La sua vittima una ragazza dell''87, brianzola d'origine, ma residente a Legnano. Si appostava sotto casa sua e al lavoro di lei, in un atelier di corso Monte Napoleone a Milano.

L'ossessione di lui ha scattato in lei la paura tanto da non riuscire a tornare a casa preferendo la dimora dello zio. Tre volte l'ha denunciato e a fine luglio l'incubo sembrava avere fine dopo il suo arresto, ma dopo pochi giorni era a piede libero, e neanche una diffida con obbligo di stare distante 1 km dalla casa non l'ha fermato fino all'ultimo arresto.

L'altra storia nasce a distanza di 1000 km, in Calabria, per poi finire a Legnano. Difatti A.G., classe '67, ristoratore calabrese, incensurato, incontra una donna sposata originaria della Colombia. Si frequentano in Calabria, ma lei, per motivi di lavoro, si trasferisce a Legnano. Lui la segue, la perseguita, la minaccia  e anche lui, nonostante la diffida, la sua ossessione continua fino all'arresto, avvenuto in flagranza di reato.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Volevo salvarla, si droga": due arresti per stalking a Legnano

MilanoToday è in caricamento