Lunedì, 21 Giugno 2021
Precotto Cimiano / Via Padova

Via Padova, 9 posti letto in 30 metri quadri con soppalco

Ancora due interventi in via Padova su segnalazione degli amministratori di condominio. Scoperto un dormitorio: denunce e richiesta di sequestro degli appartamenti

In trenta metri quadri soppalcati ci dormivano in 9. Quando la polizia locale ha aperto la porta – su segnalazione di un amministratore di condominio – si è trovata davanti 6 persone. Il primo è un cittadino albanese di 26 anni, irregolare, fermato una decina di volte, con precedenti per falso, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, e denunciato per violazione alla legge sull’immigrazione.


Gli altri occupanti sono cinque cittadini bulgari, tra cui una donna di 45 anni, che è risultata l’unica regolare intestataria del contratto di affitto (gli altri stranieri hanno  dichiarato di essere ospiti). La proprietaria, un italiana di 49 anni è stata segnalata all’autorità giudiziaria  per favoreggiamento all’immigrazione clandestina.


Ma non è stato l'unico intervento della mattinata, in una via Padova ormai da mesi abituata alle ordinanze sulla sicurezza. I vigli urbani, in un bilocale, hanno identificato un cittadino del Ecuador, 31 anni, irregolare. Si tratta di un transessuale che è stato deferito per il reato di clandestinità.  Sul proprietario, che possiede una decina di appartamenti nel quartiere, sono in corso accertamenti.


E’ stato comunque denunciato per favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Per entrambi gli appartamenti la Polizia Locale ha inoltrato richiesta di sequestro che si aggiunge alle altre 44 nella sola area di via Padova. Qualche tempo fa il vicesindaco si era lamentato con il Palazzo di Giustizia: secondo De Corato la magistratura favorirebbe, con le sue procedure lente, l'abusivismo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Padova, 9 posti letto in 30 metri quadri con soppalco

MilanoToday è in caricamento