rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Stazione Centrale Stazione Centrale / Piazza Duca d'Aosta

Milano, altro blitz della polizia in Centrale | Foto

Controlli su migranti e sbandati che stazionano fuori dalla Centrale. Ecco le immagini

Nuovi controlli della polizia in stazione Centrale a Milano, diventata negli ultimi periodi teatro di aggressioni ed episodi criminali. 

Blitz polizia in Centrale (foto Melley/MilanoToday)

Mercoledì pomeriggio - spiega la Questura - è infatti scattato un “servizio di prevenzione e controllo, disposto dal Questore di Milano Marcello Cardona d’intesa con il Prefetto di Milano Luciana Lamorgese, volto al contrasto della criminalità diffusa nelle adiacenze della stazione Fs di Milano Centrale”.

Controlli in Centrale: blitz della polizia

In strada sono intervenuti un centinaio di agenti delle Volanti, della Polmetro, delle Bikers e del commissariato Garibaldi Venezia. Presenti anche i cani poliziotti, la polizia scientifica, la Digos, la squadra Mobile e personale dell’ufficio immigrazione. Al lavoro all’esterno della Centrale anche i reparti Mobili e i carabinieri, mentre nello scalo sono presenti gli agenti della Polfer. 

Il servizio - sottolinea la Questura - prevede l’effettuazione di controlli in piazza Duca d’Aosta, via Vittor Pisani, piazza Luigi di Savoia e piazza IV Novembre. 

Polizia in Centrale, Sala: “Bene il controllo”

video-138

"Credo che questo controllo sia più tranquillo - il primo commento del sindaco di Milano, Beppe Sala, con un chiaro riferimento al maxi blitz dello scorso maggio -. La stazione centrale è un luogo simbolo, non solo per Milano, quindi bene il controllo con le giuste modalità. Ci siamo parlati con il prefetto e il questore, credo che sulla stazione Centrale il tema sia una continua vigilanza, e ogni tanto bisogna intervenire con controlli". 

Approvazione è arrivata anche del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni: "Ora mi auguro - le sue parole - che queste verifiche di polizia e carabinieri, come ho chiesto nell'ultimo incontro con il prefetto di Milano, siano estese a tutte le stazioni ferroviarie della Lombardia a rischio sicurezza”. 

Centrale, aggressioni e risse: è emergenza sicurezza

Lunedì pomeriggio, proprio all'esterno della stazione, un poliziotto di trentuno anni era stato accoltellato da un ventottenne guineano - irregolare e con precedenti - che poco prima aveva minacciato con un coltello un addetto alle navette per l’aeroporto. 

Migranti, bivacchi in Centrale

L’aggressore, con un decreto di espulsione sulle spalle, era stato arrestato per tentato omicidio e poi scarcerato il giorno successivo, quando l’accusa era stata derubricata a lesioni e resistenza. Giovedì pomeriggio, gli stessi agenti lo avevano poi imbarcato su un aereo per la Guinea e avevano “chiuso” l’espulsione

Giovedì pomeriggio, invece, la piazza era stata teatro di una rissa tra due gruppi di immigrati, due dei quali erano rimasti feriti. Uno di loro, poi, aveva cercato di scappare dal Fatebenefratelli aggredendo un poliziotto ed era stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. 

A metà maggio scorso, invece, Tommaso Hosni - un ventunenne italo tunisino - aveva accoltellato un poliziotto e due militari “colpevoli” di avergli chiesto i documenti mentre vagava in Centrale

L’aggressore, avevano poi scoperto gli investigatori, aveva più volte in passato inneggiato all’Isis sui suoi profili social

Blitz in Centrale: il precedente e le polemiche

L’ultimo blitz della polizia in Centrale, il 2 maggio scorso, aveva scatenato non poche polemiche. 

Controlli della polizia sui migranti in Centrale

Quel giorno, trecento agenti - con l’ausilio di un elicottero e dei colleghi a cavallo - avevano controllato tutti gli immigrati che da tempo bivaccano in piazza Duca d’Aosta, “occupando” gran parte dell’esterno della stazione. 

Dodici persone erano state espulse e altre quattordici trattenute, ma tante forze politiche - soprattutto di centrosinistra - si erano scagliati contro la prova “muscolare” della Questura.

Il sindaco Beppe Sala, evidentemente non contento, in quel caso aveva commentato con un laconico: “Sono stato l’ultimo a saperlo”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, altro blitz della polizia in Centrale | Foto

MilanoToday è in caricamento