menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La rastrelliera

La rastrelliera

Milano, inaugurata la prima rastrelliera pagata da un privato ma per un uso pubblico. Le foto

Pavé, noto bar pasticceria con diverse sedi a Milano, ha aderito all'iniziativa del Comune

In via Felice Casati 27 è stata inaugurata la prima rastrelliera pubblica per la sosta delle biciclette posata da un privato. 

Mercoledì erano presenti gli assessori Marco Granelli (Mobilità e Ambiente), Lorenzo Lipparini (Partecipazione e Open Data) oltre ai soci di Pavé, il locale che ha finanziato l'iniziativa, Diego Bamberghi, Giovanni Giberti e Luca Scanni. Inoltre Andrea Painini (presidente Confesercenti Milano-Lodi-Monza Brianza) e Luca Bigliardi (PrincipioAttivo Architecture Group).

Pavé, noto bar pasticceria con diverse sedi a Milano, ha aderito all'iniziativa del Comune di Milano che prevede la concessione gratuita del suolo pubblico ai privati che, a proprie spese, decidono di installare rastrelliere per biciclette, promuovendo così lo sviluppo di una mobilità sostenibile e partecipando in modo positivo e concreto alla vita della propria comunità e del proprio quartiere. 

Pavé ha deciso di acquistare venti spazi per le bici che sono stati installati al posto di alcuni posti auto, rendendo così più semplice - e sicura - la vita dei ciclisti e contribuendo a rendere più ordinato il quartiere. L'installazione delle rastrelliere libera anche spazi preziosi per chi si muove a piedi o ha un passeggino perché ci sono ben due metri tra un archetto e l'altro.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento