rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Niguarda Bovisa

E' morto il cinese pestato a sangue per uno sguardo

Il 12 febbraio un uomo asiatico di 55 anni era stato aggredito da un 16enne dell'Ecuador per aver "guardato la sua donna". Dopo 10 giorni di agonia, l'uomo è morto all'ospedale Niguarda

E' morto dopo 10 giorni di agonia all'ospedale Niguarda l'uomo cinese di 55 anni pestato da un 16enne ecuadoregno ubriaco in via Baldinucci lo scorso 12 febbraio. L'accusa per il ragazzo, che si trova al carcere minorile Beccaria, passa da tentato omicidio a omicidio volontario.

Hu Ke Cang, questo il nome dell'uomo, era finito al Niguarda in coma farmacologico dopo una brutale aggressione da parte del 16enne, che lo aveva accusato di aver "guardato la sua donna" mentre passava all'uscita del locale dove il giovane si trovava con alcuni amici sabato notte. Per questo, in evidente stato di ubriachezza, il ragazzo prima gli aveva urlato qualcosa, poi lo aveva inseguito e pestato a sangue con calci e pugni, provocandogli diverse fratture al volto e alcune lesioni alla spina dorsale.

Il ragazzo e gli amici che avevano tentato inutilmente di fermarlo si erano subito accorti della gravità della situazione e per questo erano fuggiti, lasciando l'uomo agonizzante in strada. Poco dopo la polizia li aveva rintracciati, arrestando il 16enne che ora dovrà rispondere di omicidio volontario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto il cinese pestato a sangue per uno sguardo

MilanoToday è in caricamento