rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Niguarda Via Imbonati

Via Imbonati, immigrati in corteo contro l'espulsione di Abdel

Sabato pomeriggio il comitato immigrati e i sindacati della Cub hanno sfilato per le vie del quartiere in segno di solidarietà verso Abdel, lo straniero sceso dalla torre giovedì scorso che rischia l'espulsione. Chiedono: "Regolarizzazione per tutti"

Sabato pomeriggio circa 200 immigrati hanno organizzato un corteo sotto la torre di via Imbonati, occupata per quasi un mese da alcuni stranieri per protestare contro la mancata sanatoria.  

La manifestazione, organizzata dai sindacati della Cub e dal comitato immigrati è stata l'occasione per rinnovare la solidarietà al marocchino Abdelrazak, che dopo essere stato costretto a scendere dalla torre giovedì scorso fa per gravi motivi di salute, rischia di essere espulso dall'Italia.

In testa al piccolo corteo lo striscione "Regolarizzazione per tutti". Tra i manifestanti l'italo-argentino Marcelo Galati, anche lui sulla torre per quasi un mese che ha speso parole di incoraggiamento per Abdel, il segretario metropolitano della Federazione della Sinistra, Luciano Mulhbauer e l'insegnante Annalisa Portiroli fautrice della nuova lista civica di immigrati 'Milano Nuova' che si presenterà la prossima primavera alle elezioni del capoluogo lombardo.

Il commento del vicesindaco di Milano. “Percentualmente la quota di adesione è lo 0,1%”, ha commento Riccardo De Corato. Si tratta “dell'ennesimo  inutile corteo che fa girotondi a vuoto, visto che ora sulla torre non c’è più nessuno,  ha avuto un solo effetto: quello di tenere impegnati numerosi agenti delle Forze dell’ordine e una decina di agenti della Polizia Locale. E di provocare i soliti disagi alla circolazione con 4 linee del trasporto pubblico deviate o rallentate (4, 41, 52 e 70)”, ha concluso il vicesindaco.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Imbonati, immigrati in corteo contro l'espulsione di Abdel

MilanoToday è in caricamento