rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Niguarda

Case popolari, la Lega in via Ciriè: i cittadini lamentano il degrado

Spaccio, situazioni di degrado e occupanti abusivi. È la situazione descritta dagli abitanti delle case popolari di via Ciriè, zona Niguarda. Questa mattina, sopralluogo della Lega e dell'Aler. Il consigliere Salvini: “faremo pressione in Consiglio comunale per migliorare la situazione”. La cronaca

Questa mattina, il consigliere comunale Matteo Salvini della Lega Nord, a nome della Commissione Sicurezza del Comune, accompagnato da un delegato dell’ALER, ha effettuato una ricognizione presso il complesso di residenze popolari in via Ciriè, nel quartiere Niguarda, sollecitato dall’amministratore e dai condomini, che avevano denunciato una situazione di degrado e scarsa sicurezza.

All’ingresso degli stabili erano presenti ad accogliere la delegazione di consiglieri e giornalisti alcuni inquilini abusivi: hanno appeso due striscioni con scritto “Chi detiene le case popolari chiuse per anni ruba un diritto” e “5000 10000 15000 sono i voti abusivi che daremo a chi ci da un contratto” poiché lamentano l’impossibilità di ottenere regolarmente un contratto, nonostante vi siano a Milano alloggi comunali sfitti e alcuni di loro siano iscritti nelle liste di attesa da parecchi anni, pur trovandosi in condizioni economiche e familiari complesse.

Il sopralluogo di questa mattina in via Ciriè


Salvini ha ribattuto contestando la pratica di occupare abusivamente gli alloggi, pratica che calpesta un diritto che spetta anche a tutte le altre persone che si trovano in lista di attesa.

Gli inquilini regolarmente residenti, quelli che hanno sollecitato l’intervento delle autorità, d’altra parte si lamentano per alcune situazioni di degrado, di spaccio e prostituzione, dovute in parte proprio alla presenza degli abusivi. Secondo le stime dell’ALER, subentrata da poco nella gestione alla Romeo s.p.a., questi ultimi sarebbero tra i 50 e i 100, contro circa 1200 proprietari e 800 affittuari regolari.

E’ stato quindi fatto un giro di perlustrazione per prendere visione dei problemi denunciati: la manutenzione scarsa, la mancanza di recinzioni che dividano le varie palazzine in modo da impedire il facile passaggio da un civico all’altro, il furto di apparecchiature degli ascensori oltre che di lampadine e cavi elettrici, la presenza di alcuni appartamenti in situazioni sanitarie allarmanti.

Il consigliere comunale Salvini (Lega) durante il sopralluogo


Durante la perlustrazione è stato mostrato un appartamento occupato che versa in condizioni sanitarie disastrose, e l’ALER ha preso l’impegno di contattare immediatamente l’ASL. Ma i condomini hanno anche denunciato la presenza sia di giorno che di notte di spacciatori, che mettono in repentaglio la sicurezza dei bambini, e la situazione di un appartamento in cui vi sarebbe un giro di prostituzione.

Alla fine dell’ispezione Salvini si è impegnato a fare pressione sull’amministrazione comunale affinchè l’ALER intervenga per migliorare la situazione, ma ha comunque ricordato che Comune e Forze dell’Ordine stanno già operando.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case popolari, la Lega in via Ciriè: i cittadini lamentano il degrado

MilanoToday è in caricamento