menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

Milano, "L'azienda non ci paga": scatta la protesta degli operai, in 8 salgono sulla gru

Gli operai sono saliti sulla gru nella mattinata di lunedì 13 gennaio. I dettagli

Volevano essere pagati. Per questo otto operai sono saliti su una gru a 50 metri di altezza all'interno di un cantiere al civico 35 di via Tarvisio a Milano (zona Villaggio dei giornalisti).

"Hanno preso il nostro sudore e non ci hanno pagano niente da ottobre - hanno detto operai in un videomessaggio -.Tutti qua sulla gru stiamo aspettando i nostri soldi, non vogliamo altro. Grazie fate qualcosa per piacere".

La protesta è iniziata intorno alle 10 di lunedì 13 gennaio, sul posto erano intervenuti i sanitari del 118 e i vigili del fuoco del comando provinciale di Milano, oltre agli agenti della Questura che, insieme ai sindacalisti, hanno intavolato una lunga trattativa per farli scendere  dal braccio meccanico. Intorno alle 14.30 la protesta è cessata: i muratori, in seguito a un accordo, hanno abbandonato le loro posizioni.

Scala la gru e fa bungee jumping

Nella tarda mattinata di domenica 12 gennaio un attivista per i diritti dei migranti, un italiano di 30 anni, ha scalato la gru del cantiere del grattacielo di Gioia 22 e, dopo essersi imbragato e legato a una fune, si è lanciato facendo bungee jumping. Per lui è scattata una denuncia per procurato allarme, agli agenti della questura ha spiegato di aver agito per onorare le vittime del mar Mediterraneo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento