Rho

Travolto e ucciso da un cavallo imbizzarrito durante il palio di Rho: tribunale assolve tutti

Sono stati assolti tutti gli imputati per la morte di Carlo Amodio, avvenuta nel 2015

Il palio di Rho (immagine repertorio)

Non ci sono colpevoli per la morte di Carlo Amodio, l'anziano di 85 anni che morì il 6 novembre 2015 dopo essere stato travolto da un cavallo imbizzarrito durante il Palio di Rho. 

Per la vicenda erano finiti in tribunale il comandante della polizia locale Antonino Frisone, l'organizzatore dell'evento Alessandro Vecchi, il palafaniere, la ragazza accusata di non aver dotato il cavallo di ferrature adeguate, e la responsabile dell'associazione sportiva. Tutti erano accusati di concorso in omicidio colposo, accusa da cui sono stati assolti.

Solo per il comandante della polizia locale la pubblica accusa aveva chiesto l'assoluzione sin dalla requisitoria. Il motivo? Il fatto non sussisteva, mentre per gli altri aveva chiesto la dondanna fino a un anno e otto mesi.

L'incidente

Tutto era accaduto domenica 11 ottobre 2015 intorno alle 16.30 in via Kennedy, durante il passaggio della sfilata. L’animale aveva disarcionato la castellana che aveva in groppa e ha iniziato a a galoppare lungo via Madonna travolgendo diverse persone e ferendo in modo grave Carlo Amodio. La sua corsa è terminata in Corso Europa, vicino al Santuario. L'uomo era stato accompagnato in condizioni disperate al pronto soccorso dell'ospedale Niguarda, dove è morto il 6 novembre 2015.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolto e ucciso da un cavallo imbizzarrito durante il palio di Rho: tribunale assolve tutti

MilanoToday è in caricamento