menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli operai Innova Service (foto fb)

Gli operai Innova Service (foto fb)

Ex Innova Service: «Siamo alla fame, accettiamo il protocollo Pavone»

Gli ex operai dell'Alfa hanno accettato seguiranno percorsi di accompagnamento alla pensione e di ricollocamento in altre aziende

«Siamo alla fame, accettiamo il protocollo Pavone». Lo hanno scritto sul loro profilo Facebook gli ex lavoratori di Innova Service, azienda che si occupava della pulizia e manutenzione dell’area ex Alfa Romeo, senza lavoro da febbraio 2011.

Il «Protocollo Pavone», come spiegato da Il Giorno, prende il nome dal viceprefetto Anna Pavone che lo aveva sottoscritto nel dicembre 2012, alcuni mesi dopo la sua nomina a commissario di Arese. Prevede l’accompagnamento alla pensione degli operai, progetti per favorire il ricollocamento e incentivi alle aziende che assumeranno i lavoratori. Gli ex Innova service, tuttavia, dovranno rinunciare a qualsiasi pretesa sulle aziende che si insedieranno nell’area, o che sono collegate alla costruzione del nuovo centro commerciale. Per l’accordo la Tea, proprietaria degli ex capannoni del Biscione, ha stanziato circa due 2.2 milioni di euro. 

L’accordo non era mai piaciuto ai lavoratori. Per anni lo hanno respinto, chiedendo di modificare alcune clausole, secondo loro «troppo penalizzanti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento