Rho Via Roma

Costringeva la givoane moglie a prostituirsi: arrestato

Si tratta di un romeno di 24 anni, appartenente alla «banda del campo nomadi di via Silla», organizzazione che costringeva giovani donne a vendere il proprio corpo sui marciapiedi dell'altomilanese

Una prostituta (immagine repertorio)

Nella giornata di domenica 7 dicembre i carabinieri della compagnia di Rho hanno arrestato un altro componente della banda del campo nomadi di via Silla, organizzazione criminale che obbligava diverse ragazze romene a prostituirsi. Si tratta di D.M.M., romeno classe 1990. Il giovane è stato fermato a bordo di un’automobile che i i militari dell'Arma tenevano sotto controllo da alcuni giorni.

Quando è stato fermato aveva con sé due biglietti autobus per la Romani. Per lui, dopo gli atti di rito, si sono aperte le porte del carcere Milanese di San Vittore. Nei giorni scorsi i militari avevano arrestato un altro componente dell'organizzazione.

Il 24enne, come gli altri componenti della banda, viveva nel campo nomadi alle porte di Milano. Aveva sposato una connazionale e le aveva promesso di portarla in Italia per vivere una vita agiata. Purtroppo per lei è stato tutto il contrario: botte e per strada a vendere il proprio corpo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costringeva la givoane moglie a prostituirsi: arrestato

MilanoToday è in caricamento