menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La biblioteca di Villa Burba

La biblioteca di Villa Burba

Le biblioteche del Nord Milano a pagamento per i "secchioni"?

Nei giorni scorsi è stato inviato un questionario agli utenti del consorzio bibliotecario che annuncia la novità: 10 euro per chi usa di più i servizi

Le biblioteche del Consorzio Bibliotecario del Nord Ovest Milanese potrebbero diventare a pagamento per i "secchioni". Questo è quanto si evince dal questionario diramato nei giorni scorsi agli utenti tramite una e-mail. "Si sta pensando di chiedere un contributo di 10 euro all'anno agli utenti che usano maggiormente il servizio della biblioteca", si legge dopo aver risposto a tutte le domande. 

Le cause di questo contributo si devono ricercare nei tagli effettuati dalla Provincia di Milano. L'ente, infatti, elargiva finanziamenti al consorzio bibliotecario. Nel 2012, ultimo anno in cui è stata finanziata la rete bibliotecaria, Palazzo Isimbardi ha versato nelle casse del consorzio 116mila euro.

Nel 2013 il versamento è stato azzerato, come si evince nel bilancio di previsione del Csbno visibile sul sito del consorzio. Quest’anno il “buco di bilancio” è  stato tappato con gli avanzi degli anni scorsi. Il problema, dunque, riguarda gli anni a venire. 

Per questo gli amministratori del consorzio starebbero pensando di far pagare un contributo di 10 euro annui a tutte le persone che usano maggiormente i servizi delle biblioteche. O meglio: chi verserà la somma avrà più vantaggi rispetto ad un normale utente. "Questo contributo — si legge in una nota al termine del questionario — consentirebbe di prendere a prestito più libri contemporaneamente (20), effettuare un maggior numero di prenotazioni (20), avere sconti sui servizi offerti dal consorzio attraverso le biblioteche (partecipazione a corsi e visite d'arte, acquisto libri tramite la rete bibliotecaria), accedere ad una lista speciale di prenotazione dei best seller e altri vantaggi che stiamo progettando". 

La strada che porterà alla decisione finale non è ancora stata presa: tutto potrebbe cambiare, ma far pagare i "secchioni" è una concreta possibilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento