rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Rho Bollate

Bollate, “vizi” di famiglia: in manette due maltrattatori

Sono entrambi italiani, entrambi di Bollate i due individui arrestati ieri sera per reiterati maltrattamenti in famiglia dai carabinieri della stazione locale. Si tratta di un 21enne che pestava i genitori per comprarsi la droga e di un uomo di 43, che ha picchiato la moglie in presenza dei figli minori

Hanno finito di maltrattare, almeno per il momento. Ieri, infatti, i carabinieri di Bollate hanno arrestato due cittadini italiani con l'accusa di maltrattamenti reiterati in famiglia. Si tratta di S. S. 21 anni, pregiudicato con problemi di droga e di S. P. 43 anni.

Il giovane è stato arrestato a Bollate intorno alle 12 di ieri, grazie all'intervento dei vicini che hanno chiamato il 112: i suoi genitori, infatti, stavano subendo l'ennesima violenza messa in atto dal ragazzo per estorcere loro i soldi per comprare lo stupefacente. Sono stati i militari a convincere finalmente i genitori a denunciare anni di soprusi e violenze. Nonostante ciò, i due coniugi - il padre, 54enne operaio, e la madre, 49enne casalinga – si sono rifiutati di ricevere le cure mediche.


  I due si trovano nel carcere di San Vittore  

Il secondo arresto ieri sera, intorno alle 23: a finire in manette è stato un operaio di 43 anni, di Bollate e incensurato, con problemi di abuso di alcol. L'uomo, di fronte ai tre figli minori (12, 7 e 4 anni) ha picchiato la convivente, procurandole ferite al volto giudicate guaribili in 15 giorni. A porre fine alle angherie subite dalla donna, una operaia di 41 anni, è stata anche questa volta la chiamata dei vicini al 112.
Entrambi gli arrestati si trovano in questo momento nel carcere di San Vittore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollate, “vizi” di famiglia: in manette due maltrattatori

MilanoToday è in caricamento