menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dopo "Bollate con Matteo Renzi" ora c'è anche "Noi con Matteo Renzi"

Dopo "Bollate con Matteo Renzi" ora c'è anche "Noi con Matteo Renzi"

Barlassina sbatte la porta del Pdl: «Fondo il partito "Noi con Renzi"»

Il consigliere del Pdl Barlassina lascia il Pdl e con un salto della quaglia fonda il gruppo consiliare "Noi con Renzi" di chiara matrice di centrosinistra. Polemiche in consiglio per una scelta che fa discutere

Dopo le due dimissioni tra i banchi di Pd e Idv con l'ingresso dei neo consiglieri comunali Francesco Chiariello e Alberto Ferrara c'è stato un vero e proprio colpo di scena nel consiglio comunale svoltosi a Bollate lunedì 25 novembre.

A prendere la parola è Eugenio Pietro Barlassina del Popolo della Libertà che tuona dopo un lungo giro di parole: «Il Pdl è morto e ho deciso di costituire a Bollate il gruppo consiliare "Noi con Matteo Renzi, Lombardia Bollate"».

Continua Barlassina che spiega la rottura: «Non posso tollerare la scissione interna al Pdl, il mio sarà il secondo partito in Italia con questo nome, dopo quello nato a Firenze e io sarò, per ora, l'unico componente e capogruppo».

Il Pdl locale, che diventa Forza Italia e deve fare i conti con la scissione del "Nuovo Centrodestra" a livello nazionale, quindi perde un consigliere comunale per un totale di 7 mandatari (tanti quanti quelli del Pd).

Inevitabili le reazioni all'interno del parlamentino bollatese, non all'interno del Pdl però, ma tra i banchi della Lega Nord come spiega il capogruppo Francesco Matera: «Barlassina non ha voluto fare un piccolo salto verso la destra del partito, ma ha fatto un triplo salto mortale a sinistra. Non mi sembra una cosa normale, io avrei dato le dimissioni se non fossi stato d'accordo con il mio partito».

Anche il consigliere "renziano" del Pd Alberto Grassi non ci sta e sorpreso chiede chiarimenti: «Renzi molto probabilmente diventerà il segretario del Pd, Barlassina questo lo sa? Sono stupito più che altro dal fatto che abbia avuto l'autorizzazione da Firenze, come Barlassina sostiene, per chiamare il suo gruppo consiliare così».

In vista urgono dei chiarimenti perché il nome "Renzi" in un partito fondato da un ex Pdl suona quantomeno strano e sembra uno "sgarbo" fatto al Pd.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento