rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Bollate Bollate / Via Aldo Moro

Nel Comune di Bollate arriva il codice contro le molestie sul lavoro

Si muove su due binari la giunta Lorusso in tema di sensibilizzazione sul problema non risolto della violenza di genere: da una parte col Codice interno del Comune, dall'altra con il Protocollo di intesa a 15

Si muove su due binari la giunta Lorusso in tema di sensibilizzazione sul problema non risolto della violenza di genere.

Da un lato, con la sensibilizzazione interna dei dipendenti, attraverso l’approvazione di un «Codice di condotta da adottare nella lotta contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro».

Dall’altro con la sensibilizzazione esterna per i cittadini, attraverso la sottoscrizione di un Protocollo di intesa a 15 (questo il numero di enti e istituzioni coinvolti) per la creazione di una «Rete di sostegno delle donne vittime di maltrattamento, violenza domestica e sessuale».

«Due azioni diverse ma egualmente importanti – hanno detto il sindaco di Bollate Stefania Lorusso e l'assessore ai servizi alla persona Marinella Mastrosanti – che rappresentano le due facce dell’impegno di questa amministrazione per prevenire e contrastare l’uso della violenza nei rapporti interpersonali».

Continuano le due donne delle istituzioni bollatesi: «Attraverso azioni di sensibilizzazione, da un lato. Ma anche attraverso un impegno concreto a garantire il soccorso e il sostegno alle donne vittime di una violenza tanto brutale quanto devastante per la vita della persona».

Il Codice definisce le regole di convivenza tra i e le dipendenti dell’amministrazione comunale garantendo a ogni lavoratore la tutela dei diritti, anche dal punto di vista di atti a sfondo sessuale e introduce la figura di "consigliere di fiducia" che diventa il punto di riferimento per segnalazioni o per interventi mirati a far cessare le molestie segnalate.

Il Protocollo è il risultato del lavoro interistituzionale di 15 enti tra Comuni, Aziende ospedaliere, Associazioni, Cooperative e Forze dell’ordine. 

L’obiettivo è creare una collaborazione stabile tra pubblico e privato per attivare servizi con modalità condivise di intervento.

Ogni ente coinvolto, per la propria competenza, potrà offrire un diverso servizio sovracomunale per contrastare la violenza contro le donne, così da creare una filiera anti-violenza in grado di occuparsi di ogni aspetto.

Il protocollo, oltre che dal Comune di Bollate, è stato sottoscritto anche da Comuni insieme che partecipa alla rete con il progetto, realizzato insieme all’Amministrazione comunale, «Nemmeno con un fiore».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel Comune di Bollate arriva il codice contro le molestie sul lavoro

MilanoToday è in caricamento