Bollate Via Aldo Moro

Franco De Angeli replica al Pd: «Provocazioni di politici disattenti»

Il presidente di Gaia Servizi Srl Franco De Angeli ci ha inviato una dura replica al Pd: «Definire una cosa seria come il consiglio comunale su Gaia uno "spettacolo" mi pare riduttivo e offensivo»

Franco De Angeli, presidente di Gaia

Il presidente di Gaia Servizi Srl Franco De Angeli ci ha inviato una dura replica al comunicato del Partito Democratico pubblicato nei giorni scorsi.

Così De Angeli, che giudica come provocazioni le parole del Pd: «Definire una cosa seria come il consiglio comunale su Gaia uno “spettacolo” mi pare riduttivo e offensivo, soprattutto nei confronti delle 58 persone che a Gaia lavorano ogni giorno e che credono in un'azienda che, come illustrato senza segreti e senza ombre, sta cercando di risollevarsi e di rinascere».

«Il mio intervento è stato limpido, con dati alla mano. Non ho taciuto il buco da tre milioni di euro, l'abbiamo spiegato in modo approfondito nelle prime 4 slide (4 su 15 dedicate ai conti) che hanno raffigurato l'andamento 2012/2013 e il pre-consuntivo 2014. Chi ci accusa, forse, non ha minimamente seguito la presentazione, cosa che mi porta a dedurre la scarsa attenzione dei consiglieri sui temi strategici per la città».

«Le perdite rilevate nel bilancio di Gaia sono state puntualmente precisate da me e dal Collegio dei Revisori dei Conti. E abbiamo risposto puntualmente a tutte le domande, più o meno provocatorie che ci sono state poste».

«Non credo di dover aggiungere altro a quanto già puntualizzato, se non che, come più volte precisato, le soluzioni di finanza creativa di cui veniamo accusati sono state ideate dai fondatori della società. Rimandiamo quindi al mittente la provocazione».

«Per quanto concerne Utilitas, inoltre, abbiamo solo chiuso una vertenza che costava soldi al Comune di Bollate e non rispettava l’accordo prefettizio sottoscritto dall’ex sindaco Stelluti».

«Come spiegato anche in una precedente nota del Comune, nessuno ha mai messo in dubbio la governance sociale della società se non un consigliere dell'opposizione che costantemente chiede le nostre dimissioni».

«Quanto alla governance, inoltre, si dormano sonni tranquilli: Gaia è autonoma e indipendente nelle sue scelte. Certamente collaborativa con un’amministrazione comunale che, come abbiamo visto in consiglio, ha dato uno slancio costruttivo e propositivo al rilancio societario. Slancio che, mi auguro, venga accolto al di là di ogni appartenenza politica».

«Siamo favorevoli a fissare incontri o audizioni con la commissione bilancio come  sistema per avere contezza di quello che succede nella municipalizzata. Su questo tema resto, come sempre, disponibile. Anche perché ritengo sia un passaggio indispensabile per il piano di rilancio di Gaia cha abbiamo in mente».

«Concludo con una mia ferma convinzione: le società non sono né di destra né di sinistra, ma di chi opera e gestisce nel bene della città.  Ripartiamo con l'anno zero con un futuro non di incertezze (se non normative) ma di fermo rilancio e assoluta fiducia».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Franco De Angeli replica al Pd: «Provocazioni di politici disattenti»

MilanoToday è in caricamento