Martedì, 21 Settembre 2021
Bollate Bollate / Piazza Aldo Moro

Depliant "elettorali", M5S denuncia il sindaco Lorusso: «Basta furbate»

I volantini informativi che l'amministrazione comunale di Bollate ha inviato nei giorni scorsi ai propri cittadini rischiano di diventare, se non lo sono già, un caso politico. Il MoVimento denuncia il sindaco Lorusso

La prima parte della lettera della Corecom (clicca per ingrandire)

I volantini informativi che l’amministrazione comunale di Bollate ha inviato nei giorni scorsi ai propri cittadini rischiano di diventare, se non lo sono già, un caso politico.

Questo perché le opposizioni, e in particolare il MoVimento 5 Stelle, contestano la legalità dell’operazione, che sarebbe costata 3.660 euro e, dicono i grillini, «pagata con i soldi pubblici per fare campagna elettorale».

Il candidato sindaco del MoVimento Massimiliano Mantovani annuncia: «Dopo aver visto gli opuscoli/volantini/depliant di 'fine mandato' distribuiti dall'attuale amministrazione pagati con soldi pubblici, abbiamo deciso di segnalare la cosa al Corecom Regione Lombardia (ufficio regionale di Agcom, ndr) per il mancato rispetto della legge che prevede che non si possa fare comunicazione di quel tipo, ma solo comunicazione impersonale».

Il Corecom, dopo aver visionato i volantini, ha deciso di contestare il fatto al sindaco Stefania Lorusso attraverso una lettera ufficiale (e ora si attende la risposta del sindaco).

Mantovani attacca: «L'amministrazione ha tentato di far passare questi volantini come "obbligatori per legge", l'abbiamo immediatamente smascherata come cosa assolutamente falsa. E la lettera di contestazione del Corecom al sindaco lo conferma».

Chiude Mantovani: «Vediamo come proseguirà, ma se si dimostrerà che l'operazione non è 'legale' provvederemo a segnalare la spesa alla corte dei conti. Con noi basta furbate nelle amministrazioni pubbliche».

lettera corecom2-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depliant "elettorali", M5S denuncia il sindaco Lorusso: «Basta furbate»

MilanoToday è in caricamento