menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Lorusso durante il suo discorso

Il sindaco Lorusso durante il suo discorso

Lorusso sul monumento ai caduti in Iraq: «Bollate non dimenticherà»

Si è svolta questa domenica 10 novembre, nella piazza centrale di Bollate, l'inaugurazione del monumento ai 19 caduti che nel 2003 persero la vita a Nassiriya. Ecco le parole del sindaco Stefania Lorusso

Si è svolta questa domenica mattina, 10 novembre, dalle ore 9:00 alle 12:00 circa, nella piazza centrale di Bollate, l’inaugurazione del monumento dedicato ai 19 caduti (12 carabinieri, 5 militari dell’esercito della Brigata Sassarie 2 civili italiani) che il 12 novembre 2003 persero la vita a Nassiriya, nel terribile attentato terroristico contro la base del contingente italiano impegnato in Iraq, nella missione internazionale di pace "Antica Babilonia".

Molte le autorità presenti alla cerimonia, partecipata anche da tanti cittadini di Bollate: il sindaco Stefania Lorusso, affiancata dal vicesindaco Cesare Doniselli e da molti assessori della sua Giunta, il presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri, sezione di Bollate, Roberto Moneta, il vice prefetto di Milano, Giuseppa Massa, il comandante provinciale milanese dei carabinieri Maurizio Stefanizzi. Presenti anche l’artista Vito Mele che ha realizzato l’opera in bronzo e l’architetto Simone Oggioni, progettista del monumento.

Di seguito alcuni stralci dell’intervento del sindaco di Bollate Stefania Lorusso alla cerimonia di inaugurazione: «Questa commemorazione mira a tenere viva la memoria di un sacrificio reso nell’adempimento del dovere, al servizio del Paese e a favore dell’intera comunità internazionale e del popolo iracheno afflitto dalla tirannia»

Continua il sindaco: «Una popolazione a cui si intendevano restituire sicurezza e condizioni di vita più dignitose. La memoria di quel sacrificio, simbolo di più alti valori morali, deve necessariamente essere di esempio, guida e riferimento per tutti noi e soprattutto per i più giovani».

Prosegue il sindaco: «Bollate non vuole dimenticare e non dimenticherà mai i martiri di Nassiriya. Questa Fiamma che arde, con la ferita ancora aperta e i nomi scolpiti nel bronzo, sarà qui a ricordare a noi e alle future generazioni quel giorno e il suo significato». 

E ancora: «Ma sarà qui a dirci anche che Bollate non dimentica e non dimenticherà mai chi combatte ogni giorno la sua battaglia quotidiana soprattutto in tempi duri e difficili come quelli che stiamo vivendo »

Lorusso ha concluso dicendo: «La memoria di Nassiriya rappresenti la nostra Forza». Nel discorso, un doveroso e caloroso ringraziamento del sindaco all’Arma di cui ha detto: «Coraggio, lealtà, abnegzione, dedizione, onore, sono solo alcune delle nobili virtù che che caratterizzano uomini e donne dell’Arma e delle Forze armate. Valori che non li abbandoneranno mai».

Gratitudine e riconoscimento anche per gli altri rappresentanti delle associazioni combattenti di Bollate e in modo particolare per gli Alpini. La Fanfara del 3° Battaglione Carabinieri di Bollate infine ha chiuso le celebrazioni. ?

Inaugurazione monumento Nassiriya2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento