menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piergiorgio Valentini nella scuola di Cassina Nuova

Piergiorgio Valentini nella scuola di Cassina Nuova

Raccolta differenziata, educare i grandi insegnando ai loro figli

È questo l’obiettivo del progetto “Racconta la raccolta” lanciato dall’amministrazione di Bollate in collaborazione con le insegnanti delle scuole Gramsci e Leopardi. Monitorare i genitori attraverso i propri figli

Monitorare le conoscenze della differenziazione di rifiuti in città, partendo dagli studenti delle scuole di Bollate. Dopo gli ottimi risultati conseguiti nella raccolta differenziata in città nel 2013 si vuole migliorare sempre di più e si punta sui più giovani.

È questo l’obiettivo del progetto “Racconta la raccolta” lanciato dall’amministrazione di Bollate in collaborazione con le insegnanti delle scuole Gramsci e Leopardi, con l’obiettivo di verificare i comportamenti in tema di rifiuti dei cittadini “grandi” attraverso i “piccoli”.

Per fare questo, a partire dal prossimo 15 marzo e per 15 giorni, 345 studenti di 15 classi delle scuole secondarie di primo grado Leopardi e Gramsci, riceveranno un questionario contenente 11 domande a risposta multipla sui comportamenti dei loro genitori nella differenziazione dei rifiuti domestici.

Si va da domande generali come “Conosci l'importanza della raccolta differenziata dei rifiuti ?” a domande più specifiche come “La tua famiglia fa la raccolta differenziata?” o “Quali rifiuti differenziate?”, fino a domande dettagliate su raccolte non molto diffuse come quelle sull’olio vegetale usato.

«L’obiettivo – spiega l’assessore all’Ambiente Piergiorgio Valentini – è sensibilizzare anche i cittadini più giovani alla raccolta dei rifiuti per aumentare i nostri già alti standard di differenziata».

Prosegue Valentini: «Contemporaneamente il progetto ci consentirà di avere informazioni, che saranno gestite con tutta la privacy del caso, sui comportamenti dei bollatesi, così da impostare corrette strategie di potenziamento della raccolta».

Una volta raccolti ed elaborati i dati, l’amministrazione comunale tornerà nelle classi che hanno aderito al progetto, con un incontro di presentazione e di ripasso delle buone regole di differenziazione.

Il progetto pilota “Racconta la raccolta”, testato in via sperimentale nelle scuole Leopardi e Gramsci, verrà poi riproposto in tutte le scuole bollatesi così da allargare i dati a disposizione del Comune. 

Il progetto è reso possibile grazie a un’applicazione informativa ideata dai tecnici del Ced del Comune di Bollate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento