Bollate Bollate

A Bollate arrivano le "fototrappole" per combattere chi abbandona rifiuti in strada

Scatta la sperimentazione su tutto il territorio comunale di Bollate

Immagine repertorio

A Bollate arrivano le fototrappole per immortalare e multare chi abbandona i rifiuti. Lo ha deciso l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Vassallo. La sperimentazione è partita in questi giorni e si chiuderà a fine 2019. L'obiettivo? Azzerare gli abbandoni sul territorio comunale. 

Le fototrappole sono state installate sia nelle aree più isolate e di elevato valore ambientale, sia in zone centrali delle città e persino vicino ai cestini stradali. Ogni volta che qualche persona si avvicinerà entreranno in funzione e inizieranno a registrare quello che avviene, anche quando farà buio perché sono dotate di sensori a infrarossi.

"Ci auspichiamo — commenta l'Assessore all'ecologia Vania Bacherini — che questi strumenti, finalizzati a reprimere i comportamenti dei cittadini che non hanno alcun rispetto per la città e che non eseguono quotidianamente la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, permettano di individuare e sanzionare gli autori degli abbandoni. E che servano a innescare un circolo virtuoso di maggior rispetto delle regole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Bollate arrivano le "fototrappole" per combattere chi abbandona rifiuti in strada

MilanoToday è in caricamento