rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Bollate Bollate / Via Aldo Moro

Scontro intestino (con querele) in Forza Italia tra Cormio e Variato

E' scontro aperto in Forza Italia a Bollate tra le due frange rappresentate da Matteo Cormio e Francesco Variato che non se le mandano a dire e la loro discussione finirà in tribunale per le reciproche querele

E’ scontro aperto in Forza Italia a Bollate tra le due frange rappresentate da Matteo Cormio (la "vecchia" ala) e Francesco Variato (il nuovo che avanza) che non se le mandano a dire e la loro discussione finirà in tribunale per le reciproche querele.

Le punzecchiature tra i due esponenti si sono susseguite nei mesi scorsi e in settimana i toni si sono fatti ancora più aspri.

Prima l’annuncio di Variato per la nomina di portabandiera di Forza Italia per Bollate, poi è arrivato il momento della precisazione: «Non sono in grado di confermare la nomina che mi era stata data verbalmente e non per iscritto. L'onorevole Squeri al momento ha detto che ha solo l'intenzione di nomina. Quindi penso non sia il caso di sollevare questioni senza "carta che canta”».

Un passo indietro quindi, ma a quel punto già si era mosso Cormio: «La notizia della nomina di Variato è falsa, comunque, visto la voglia di apparire del signor Variato comunico che ho provveduto a querelarlo per dichiarazioni lesive della mia onorabilità».

Ma non finisce qui perché poi Variato replica: «Ho iniziato un’azione legale nei confronti di Cormio. Le normali critiche politiche, talvolta anche aspre, non possono e non devono sfociare in continue minacce, falsità e bugie per restare attaccati a un potere non giustificabile più dai tempi».

Continua Variato: «Forza Italia è un grande partito democratico e la schiavitù è finita nel 1789 dove da quel giorno siamo cittadini e non sudditi di sua maestà. Da molti anni all'interno di Forza Italia non vi è dibattito democratico, niente riunioni, niente votazioni, niente incontri».

Chiude Variato: «Mentre la gente muore di fame, la polizia picchia i lavoratori e i padri di famiglia, questa gente non vuole rispondere neppure della banale democrazia interna. Questo lo vedremo. Viva Forza Italia e dimissioni di coloro che hanno portato il partito a pochi iscritti e niente democrazia interna».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro intestino (con querele) in Forza Italia tra Cormio e Variato

MilanoToday è in caricamento