Bollate Via Brianza

Bollate virtuosa, comincia la raccolta differenziata nelle scuole

L'amministrazione comunale dà il via a un percorso di educazione ambientale nelle scuole del territorio. Gaia Servizi: «Bollate al 18° posto in Italia per la raccolta differenziata».

Il sindaco Stefania Lorusso con uno dei contenitori consegnati stamattina.

Stamattina, lunedì 8 aprile, si è tenuta una conferenza stampa alla scuola media "Giacomo Leopardi" (via Brianza) della fraziona di Cassina Nuova: il sindaco Stefania Lorusso, accompagnata dagli assessori Piergiorgio Valentini (Ambiente) e Marinella Mastrosanti (Istruzione), hanno consegnato agli alunni i cartoni per la raccolta differenziata di carta e cartone da posizionare all'interno dell'edificio scolastico. Si parte da qui, ma progressivamente l'iniziativa coinvolgerà tutte la scuole primarie e secondarie del territorio bollatese.

L'evento fa parte di un percorso di educazione ambientale, avviato con le scuole del territorio tramite delle lezioni a tema tenute da Piergiorgio Valentini. Ad aprire la conferenza, davanti agli alunni della scuola e ai loro insegnanti, è stato il sindaco Stefania Lorusso: «Educate voi gli adulti in tema di rifiuti perché voi ragazzi siete più intelligenti in queste cose». Il messaggio comunicato è chiaro: «Se ognuno fa la sua parte, l'ambiente in cui viviamo sarà gradevole e piacevole».

A scendere nei dettagli tecnici ci pensa Piergiorgio Valentini: «Nel 2008 si è stimato che un cittadino ha consumato, di media, 500 kg di rifiuti all'anno, poi è arrivata la crisi economica che ha portato a ridurre la cifra. A Milano si parla di 485 kg di media a persona. Possiamo invece ritenere Bollate una città virtuosa perché ne produce 400 kg». Di questi 400 kg, il 60% (quindi 240 kg) finisce nella raccolta differenziata. Gli fa eco il presidente di "Gaia Servizi" Franco De Angeli (coadiuvato nella circostanza dal direttore di Gaia Antonio Vassallo e dal responsabile ambientale Luca Latini): «Siamo al 18° posto in Italia per la raccolta differenziata».

L'assessore Marinella Mastrosanti aggiunge: «Se tutti fanno la loro parte, è possibile un grande cambiamento facendo un piccolo gesto. La storia è piena di esempi che lo dimostrano». A ruota la segue la preside dell'Istituto Comprensivo Anna Teresa Ferri: «Ciascuno di noi deve essere responsabile e deve avere rispetto. Imparare a tenere separati i rifiuti consente di vivere in maniera migliore».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollate virtuosa, comincia la raccolta differenziata nelle scuole

MilanoToday è in caricamento