RhoToday

Gli studenti delle classi primarie hanno ripulito piazze e giardini, 20 sacchi di rifiuti riempiti

Tutte le classi delle 5 scuole primarie di Bollate hanno dato il loro contributo alla pulizia di giardini e piazze dal 23 al 25 settembre con "Puliamo il mondo". Raccolti 20 sacchi di rifiuti, oltre a numerosi "ingombranti"

Tutte le scuole in una foto di gruppi durante l'iniziativa assieme al sindaco Vassallo

Ben 20 sacchi pieni di rifiuti: bottiglie, plastica, lattine, accendini e un’infinità di mozziconi di sigaretta. E poi i rifiuti cosiddetti ingombranti: pezzi di tapparelle, di moquette e persino di una lavatrice, parti di mobili in legno e tappettini per auto di varie forme.

Tutto questo è stato trovato e raccolto grazie all’iniziativa "Puliamo il mondo" che si è svolta a Bollate dal 23 al 25 settembre organizzata dall’amministrazione comunale con la collaborazione della Pro loco e di Gaia Servizi.

Una tre giorni dedicata alla pulizia di piazze, strade, parchi, giardini e sottopassaggi che, grazie alla partecipazione in massa delle 5 scuole primarie di Bollate e di un centinaio di cittadini volontari, è stata un vero successo.

«Siamo molto contenti - ha detto l’assessore all’ambiente Vania Bacherini - soprattutto per l’entusiasmo e la disponibilità di studenti e insegnanti che si sono messi al lavoro per pulire i giardini delle loro scuole e per imparare, dagli esperti del Comune, tutti i segreti della raccolta differenziata che spesso i grandi stessi ignorano».

Molto intenso il programma, a partire dalla giornata di venerdì dedicata alle scuole che ha visto anche la premiazione da parte dell’assessore Bacherini, dei lavori dei ragazzi fatti in classe sul tema dei rifiuti.

Pulizia a tutto spiano sabato 24 a Cascina del sole e Cassina Nuova, e domenica 25 a Bollate Centro e Ospiate dove è sceso in campo anche il sindaco Francesco Vassallo al fianco di Alessandro Parisi della Velostazione, per la pulizia del sottopasso.

Un successo per il quale assessore e sindaco hanno ringraziato pubblicamente l’ufficio sostenibilità ambientale del Comune che ha lavorato con impegno per la riuscita dell’iniziativa.

Chiude Bacherini: «Iniziative come queste tengono viva l’attenzione sulla cura del patrimonio pubblico e sulla necessità, da parte di tutti, di imparare a rispettare l’ambiente che ci circonda e i luoghi che tutti frequentiamo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

  • Luci, decorazioni e un 'bosco incantato': in centro a Milano arriva il mega store del Natale

Torna su
MilanoToday è in caricamento