Mercoledì, 16 Giugno 2021
Bollate Piazza Aldo Moro

Il sindaco Vassallo ha portato in Regione le richieste dei cittadini in merito all’ospedale

Si è svolta nella mattinata del 7 settembre, l'audizione del sindaco di Bollate Francesco Vassallo presso la 3ª Commissione Sanità di Regione Lombardia. Ecco cosa ha detto il primo cittadino

Francesco Vassallo durante l'audizione

Si è svolta nella mattinata del 7 settembre, l’audizione del sindaco di Bollate Francesco Vassallo presso la 3ª Commissione Sanità di Regione Lombardia.

Alla presenza dei sindacati aziendali e regionali, che hanno richiesto l’incontro, il sindaco ha ripercorso e illustrato la "storia" di questi ultimi 15 mesi di confronto tra le Istituzioni e la direzione generale dell'Azienda ospedaliera di Garbagnate, prima con il direttore Maltagliati e successivamente, dall’inizio di quest’anno, con la dottoressa Ida Ramponi.

Il primo cittadino si è fatto portavoce delle aspettative dei cittadini bollatesi, per un funzionamento ottimale degli ambulatori specialistici, e ha chiesto che il punto di primo Intervento possa continuare l’attività di erogazione delle prestazioni sanitarie per piccoli interventi di urgenza dalle 8 alle 20.

Ha chiesto, inoltre, di istituire un Centro diurno integrato all’interno dei locali dell’ospedale e di istituire un servizio navetta tra l’Ospedale di Bollate e quello di Garbagnate al servizio dei bollatesi meno giovani e con maggiori diffioltà di spostamento.

Il sindaco Vassallo ha, inoltre, auspicato che il presidio bollatese possa diventare "strategico" in un'ottica di area metropolitana, anche attraverso una fattiva collaborazione con l'ospedale Sacco che non è dotato di un POT proprio.

Ha, infine, ricordato come i cittadini bollatesi si siano mobilitati per il loro ospedale, riuscendo a raccogliere in pochi giorni ben 11.000 firme, «a testimonianza dell'attenzione che c’è in città nei confronti dell'ospedale di Bollate e del desiderio diffuso tra la gente che i servizi sanitari restino nell'attuale struttura».

I sindacati presenti hanno poi chiesto che il Piano strategico del presidio di Bollate sia presentato e ratificato dalla giunta regionale entro breve e che il cronoprogramma e le risorse economiche per Bollate siano certe e utilizzate al più presto, senza ulteriori ritardi. La direttrice generale Ida Ramponi non era presente all'audizione in quanto non invitata a partecipare dai promotori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco Vassallo ha portato in Regione le richieste dei cittadini in merito all’ospedale

MilanoToday è in caricamento