Rho

A Garbagnate il "laboratorio" dell'eroina: trovati quattordici chili in un appartamento

Nei guai un cittadino albanese di 29 anni, aiuto cuoco di un locale teatro di una sparatoria

I carabinieri con la droga e i soldi

Nascondeva oltre 14 chili di eroina in un armadio, è stato arrestato sabato 8 luglio dai carabinieri con l'accusa di dentenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nei guai un cittadino albanese di 29 anni, incensurato, aiuto cuoco del circolo privato Magna Grecia di Bollate, nel milanese. 

I militari della compagnia di Rho sono arrivati a lui dopo un'indagine iniziata a gennaio quando un giovane di 21 anni era stato ferito con un colpo di pistola alla guancia proprio vicino al circolo privato. Gli investigatori inquadrarono quell'episodio nel mondo dello spaccio: un regolamento di conti tra clan albanesi. Sabato sera durante il blitz nel circolo privato i carabinieri hanno trovato circa quaranta clienti, la metà pregiiudicati e numerosi con segnalazioni per droga.

Gli accertamenti si sono concentrate sul 29enne, dipendente del locale. Le forze dell'ordine hanno passato al setaccio due sue abitazioni, una in via Monviso, la seconda in via Sicilia, entrambe a Garbagnate Milanese. Nella prima è stato trovato una specie di laboratorio-deposito, all'interno 14 chili di eroina divisa in panetti e una pressa idraulica. In via Sicilia, invece, 9mila euro in contanti e documenti riconducibili all'attività illecita, oltre una macchinetta contasoldi. Secondo quanto riferito dai militari se la droga fosse stata venduta al dettaglio avrebbe fruttato oltre 400mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Garbagnate il "laboratorio" dell'eroina: trovati quattordici chili in un appartamento

MilanoToday è in caricamento