menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le autorità presenti all'inaugurazione

Le autorità presenti all'inaugurazione

Rho, inaugurate le nuove aree dell'ospedale

Nella mattinata di lunedì sono state inaugurate le quattro nuove aree dell'ospedale rhodense. Maltagliati: "Saranno attive da settembre"

L'Ospedale di Rho diventa più moderno. Nella giornata di lunedì 22 luglio sono state inaugurate quattro nuove aree del nosocomio. Radiologia, centrale di sterilizzazione e mensa, oltre ad una nuovissima sala conferenze; queste sono le nuove aree dell'ospedale che — secondo quanto dichiarato da  Ermenegildo Maltagliati, direttore dell'Azienda Ospedaliera Guido Salvini — saranno in funzione per il mese di settembre.

Alla cerimonia hanno partecipato l'assessore alla sanità Mario Mantovani, Massimo Garavaglia, assessore regionale al bilancio, il sindaco di Rho Pietro Romano e i consiglieri regionali rhodensi Tizzoni e Borghetti.

Pietro Romano ha espresso soddisfazione per i lavori appena conclusi. Non solo, il primo cittadino di Rho ha chiesto agli assessori regionali che i 14 milioni di euro, inizialmente stanziati per il presidio di Rho e successivamente dirottati da Regione Lombardia a Garbagnate Milanese per terminare l'ospedale, vengano ripristinati al più presto affinché si possa procedere con la manutenzione straordinaria. Garavaglia ha immediatamente replicato al primo cittadino assicurando che i fondi ci sono e presto saranno stanziati: "Abbiamo a disposizione 100milioni di euro, non faremo fatica a trovarli". 

L'ospedale non dimentica i suoi eroi. Durante la cerimonia è stata svelata la targa in memoria del medico eroe Vincenzo Capacchione, spirato nel giugno del 2011 dopo aver eseguito un intervento di angioplastica nel nosocomio rhodense. La targa commemorativa è stata affissa nella sala conferenze. 

Non sono mancate le contestazioni. Prima che Mantovani entrasse nella nuova sala conferenze alcni rappresentanti dello Si Cobas gli hanno consegnato un volantino. "Quale sarebbe la sua reazione di fronte alla notizia, sventolata su tutti i giornali, che uno solo degli oltre ottocento clienti che afferiscono alle numerose RSA di sua proprietà abbia dovuto aspettare giorni su di una barella prima di poter essere ricoverato in un letto?", chiedevano i sindacati all'assessore che ha risposto: "Non ho anziani e non sono proprietario di nessuna struttura". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento