Rho Via Antonio Labriola

Rho, è quasi tutto pronto per il "Central park"

Pietro Romano: "L'opera dovrà essere il fiore all'occhiello della città, qualcosa che rimarrà per le generazioni future"

L'area dove sorgerà il parco

È quasi tutto pronto. Il nuovo grande parco urbano di Rho sarà presto realtà. L'area interessata, di fronte a villa Burba, è già stata acquisita dal comune di Rho. Manca solo il progetto, che verrà sviluppato con il contributo dei cittadini rhodensi. La realizzazione del "central park" non costerà un euro ai cittadini: tutte le spese saranno sostenute dalla fondazione Fiera Milano.

I tempi sono stretti, anzi: strettissimi. Le consultazioni pubbliche inizieranno venerdì 5 aprile e termineranno il 31 maggio prossimo. Il permesso per costruire sull'area dovrà arrivare entro il 31 luglio e la gara per l'affidamento dei lavori durerà dal 31 luglio al 15 ottobre. I primi interventi per la realizzazione del parco inizieranno entro la fine di ottobre e si concluderanno entro la fine del 2014. Insomma: bisogna correre.

Perché Fondazione Fiera "regala" un parco alla città di Rho? Negli anni Duemila, con la costruzione del polo fieristico, la società FieraMilano si era impegnata a costruire un parco urbano sul territorio rhodense. Una parte dell'area verde sarebbe dovuta sorgere in prossimità dei padiglioni, nei pressi di via Buonarroti. Tuttavia essa non fu mai realizzata. Con Expo l'ex zona destinata a parco sarà trasformata in parcheggio, con un corridoio a verde lungo la via Buonarroti che consentirà di collegare gli spazi verdi già completati nella frazione di Mazzo, attraverso il ponte realizzato nel 2011 da Net. La fondazione Fiera Milano, in accordo con l'amministrazione comunale, ha quindi deciso di trasferire il parco in Corso Europa, zona centrale e molto più pregiata.

Non un parco ma un "ecosistema di parchi". L'area creerà una cintura tra le varie realtà verdi della città. Più nello specifico verranno collegati i parchi di via Labriola e Pirandello, passando per il giardino di villa Burba. Sarà un'opera "griffata": tra le firme del progetto compare anche quella di Andreas Kipar, uno dei nomi più rilevanti a livello internazionle di architettura del paesaggio.

Ci sono grandi aspettative. "L'opera — ha dichiarato Pietro Romano, primo cittadino di Rho — dovrà essere il fiore all'occhiello della città, qualcosa che rimarrà per le generazioni future". L'assessore all'ecologia Forloni, spera che con la nascita del parco si crei anche una nuova associazione: "Mi piacerebbe che in questa fase di sviluppo si crei una associazione 'amici del parco' che si occupi sia di suggerire migliorie, ma anche la sua cura futura".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rho, è quasi tutto pronto per il "Central park"

MilanoToday è in caricamento