Pero Via Figino

Centinaia di bottigliette in acqua, l'Olona diventa un "fiume di plastica": la foto shock

Il fatto è accaduto a Pero. La colpa? I cantieri per l'allargamento dell'autostrada A4

L'Olona invasa dalla plastica (foto Daniela Ceriani/Fb)

Un fiume di plastica. Letteralmente. È successo all'Olona, corso d'acqua che scorre nell'hinterland Nord-Ovest di Milano, nella mattinata di venerdì 24 gennaio.

L'accaduto è stato documentato da diversi cittadini nel comune di Pero e il fatto è stato segnalato sia al Municipio che alla polizia locale. Il motivo di questa marea di plastica? L'incuria e l'inciviltà dei cittadini che — negli anni — hanno gettato bottigliette e flaconi nel fiume. I contenitori, come spiegato a MilanoToday dal comandante della polizia locale di Pero, William Franchini, si trovavano incastrati sotto al ponte dell'A4 sull'Olona. Nella mattinata di venerdì 24 gennaio, sono scattati i lavori che porteranno all'allargamento della carreggiata autostradale e gli operai hanno mosso l'ammasso causando la marea di plastica. La situazione, ha assicurato il capo dei ghisa, è comunque sotto controllo.

Olona, fiume inquinato: i precedenti

Non è la prima volta che l'Olona assurge agli onori della cronaca. Tra settembre e ottobre il fiume era diventato, letteralmente, una fogna a cielo aperto dato che il depuratore di Canegrate era stato chiuso per manutenzione. Non solo: a giugno si era verificata una vera e propria moria di pesci a Parabiago. Regione Lombardia, conscia del pessimo stato delle acque dell'Olona, ad agosto aveva stanziato 3 milioni di euro per interventi tesi al miglioramento del fiume.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centinaia di bottigliette in acqua, l'Olona diventa un "fiume di plastica": la foto shock

MilanoToday è in caricamento