Martedì, 15 Giugno 2021
Rho Via Sesia

Rho, completato lo sgombero del campo rom di via Sesia

Il campo era stato in parte sgomberato lo scorso mese di giugno. Ieri l'operazione è stata portata a atermini. Nell'area sorgerà una piattaforma ecologica. L'amministrazione: "Passo importante"

Lo sgombero del campo rom di via Sesia ieri è stato completato. Ora l’area verrà consegnata alla società A.Se.R. per realizzarvi una piattaforma ecologica. La Provincia di Milano infatti ha ritenuto inadeguate quelle attuali, e dunque si provvederà a costruirne di nuove.

“Nel nostro programma amministrativo ci eravamo posti l’obiettivo di allontanare gli abusivi e di chiudere il campo, salvaguardando e rispettando i minori (peraltro affidati a noi dal tribunale) e alcune mamme. E’ stato un lavoro lungo e faticoso, svolto in stretta collaborazione con la Polizia Locale, gli Uffici Tecnici e i Servizi Sociali, che ringraziamo infinitamente per l’ottimo lavoro svolto”, dichiara in una nota l'amministrazione comunale.

Tre nuclei familiari che vivevano nel Campo verranno ospitati dalle parrocchie a titolo gratuito. Per portare avanti un’operazione di tale portata il Comune ha utilizzato i contributi del Ministero degli Interni istituito per finanziare progetti elaborati dai Comuni per risolvere l’emergenza Rom.

“Insieme a Milano il nostro è stato l’unico Comune lombardo a ricevere il contributo richiesto nella sua totalità. Milano si è arenata, noi siamo in fase conclusiva, continua l'amministrazione nella nota. “Con le risorse del Fondo – aggiunge l'amministrazione - consegneremo voucher per i minori. Le Associazioni di volontariato monitoreranno il percorso delle famiglie”.

Sono 13 in tutto gli insediamenti abusivi smantellati.  “Abbiamo ancora 3 insediamenti abusivi da allontanare, ma contiamo di vincere anche questa battaglia”, conclude l'amministrazione.

L">Il campo era stato in parte sgomberato lo scorso mese di giugno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rho, completato lo sgombero del campo rom di via Sesia

MilanoToday è in caricamento