Rho Corso Europa

Primo incontro pubblico per il "piano d'azione per lo sviluppo ecosostenibile"

Il Paes è il documento dove sono riportate le indicazioni delle misure e delle politiche concrete che l’amministrazione intende realizzare per raggiungere gli obiettivi di abbassamento dei gas ‘climalteranti’.

Gianluigi Forloni, assessore all'ecologia

Il primo incontro pubblico per discutere del piano di azione per lo sviluppo sostenibile è fissato per lunedì 21 maggio alle nove di sera  presso la corte rustica di Villa Burba, Il comune di Rho  ha aderito infatti al patto dei sindaci, lanciato dalla  commissione europea nel  2008 e aperta alle città europee di ogni dimensione, con la finalità di coinvolgere gli amministratori pubblici e i cittadini nello sviluppo della politica energetica dell’Unione europea.

Il patto consiste nell’impegno delle città firmatarie a produrre piani di azione per l’energia sostenibile finalizzati a ridurre di oltre il venti punti percentuali le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche locali che migliorino l’efficienza energetica.

Il Paes, in estrema sintesi, è quindi il documento nel quale sono riportate le indicazioni delle misure e delle politiche concrete, che l’amministrazione intende realizzare per raggiungere gli obiettivi prima indicati partendo dall’inventario delle emissioni di gas ‘climalteranti’.

Il 21 maggio verrà illustrata la prima fase del Paes nella quale sono state prese in considerazione le principali fonti di emissioni di anidride carbonica localizzate nel territorio e, per quanto possibile, i loro relativi consumi energetici reali a partire dal 2005 ad oggi costituendo così un valido scenario di riferimento da cui elaborare le future strategie di intervento in ambito energetico ed ambientale e verificare i miglioramenti ottenuti.

I dati necessari alla elaborazione finalizzata ad un definizione dello scenario quanto più reale possibile sono stati reperiti presso gli uffici del comune, gli enti coinvolti e i punti critici di maggior interesse. Tra gli ambiti di intervento, che interesseranno l’amministrazione, di fondamentale importanza sarà quello della sensibilizzazione e coinvolgimento dei cittadini nel perseguire l’obiettivo di riduzione delle emissioni: verranno organizzati incontri e iniziative volte ad una aggiornata informazione e formazione su come è possibile contribuire al raggiungimento dell’obiettivo beneficiando anche di  un risparmio energetico.

"Questo incontro è il primo passo fondamentale per la predisposizione del piano d'azione, infatti per valutare interventi e strategie occorre conoscere la situazione al punto di partenza cioè nel 2005 — ha dichiarato Gianluigi Forloni, assessore all’ecologia —. Con il coordinamento dell'ingegner Magnelli e il supporto dell'ufficio ecologia,  numerosi uffici comunali e le società partecipate sono state coinvolte per fornire i dati essenziali, si è infatti deciso di fare un calcolo preciso dei consumi e non una stima, che avrebbe avuto dei margini di errore inaccettabili”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo incontro pubblico per il "piano d'azione per lo sviluppo ecosostenibile"

MilanoToday è in caricamento