menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Preso lìinaugurazione della Casa dell'Accoglienza

Preso lìinaugurazione della Casa dell'Accoglienza

Taglio del nastro per la Casa dell’Accoglienza

L’edificio di via Triulziana 46 sarà inaugurato domenica 8 giugno. I suoi appartamenti e i locali aggregativi, completamente rinnovati, sono pronti a ospitare i primi co-inquilini

Famiglie in difficoltà, parenti di ricoverati, anziani, studenti universitari, bambini, associazioni. L’edificio giallo al civico 46 di via Triulziana – denominato la Casa dell’Accoglienza – è pronto a trasformarsi in un condominio “solidale, vivace e affollato”.

Domenica 8 giugno è prevista l’inaugurazione dell’immobile comunale che ospiterà un ambizioso progetto di housing sociale ideato e orchestrato dal Consorzio SIS e dalle cooperative Aurora 2000 e La Strada in collaborazione con l’amministrazione comunale. Il taglio del nastro avvierà ufficialmente l’iniziativa volta a tamponare il “problema casa” coniugando soluzioni abitative, calibrate su utenti con particolari esigenze, e proposte ad alto contenuto sociale e relazionale.

I sei appartamenti dello stabile (3 monolocali e altrettanti bilocali) saranno destinati all’accoglienza di breve e media durata. Quelli di taglio più piccolo, posti al pian terreno, saranno messi a disposizione dei familiari dei degenti delle strutture ospedaliere del territorio. Agli ospiti, temporanei, delle unità immobiliari sarà richiesta una tariffa giornaliera di gran lunga inferiore rispetto alle soluzioni tradizionali di ospitalità (a pagamento). A poter beneficiari degli appartamenti per brevi periodi saranno, inoltre, persone anziane e portatori di disabilità che per diverse situazioni transitorie (ad esempio, post ricovero o sollievo estivo delle famiglie) necessitino di un alloggio facilmente accessibile e inserito in un contesto che favorisca l’autonomia.

Gli appartamenti posti al primo piano, invece, saranno destinati alle famiglie in difficoltà e agli studenti universitari. In questo caso le rette saranno ulteriormente calmierate dalla possibilità di saldare l’affitto offrendo “ore solidali”, attraverso il presidio e della struttura e il sostegno agli altri inquilini. Accanto alla parte prettamente abitativa nella struttura vi sarà spazio anche per attività aggregative, comunitarie e relazionali.

«È il nostro primo progetto di housing sociale – dichiara l’assessore alle politiche sociali Gianfranco Ginelli –, lo avevamo annunciato sul numero di dicembre del periodico comunale, ora è un fatto concreto. La Casa dell’Accoglienza sarà un luogo polifunzionale dedicato alla socializzazione e all’ospitalità di quanti subiscono con maggior intensità gli effetti dell’emergenza abitativa: anziani, portatori di disabilità, familiari con difficoltà temporanee, studenti universitari e familiari di degenti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento