menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un aereo Tunisair

Un aereo Tunisair

In picchiata per 7mila metri. Paura in volo

Attimi di terrore per quattro famiglie del sud Milano di rientro dalla Tunisia

Paura in volo per quindici passeggeri provenienti dal Sud Milano, San Donato, Cerro e Tavazzano, di ritorno in Italia dalla loro vacanza a Kelibia, in Tunisia.

Quaranta minuti dopo il decollo dall’aeroporto di Enfidha-Hammamet il comandante dell’aereo Tunisair ha deciso di rientrare alla base con una virata improvvisa quando il velivolo già sorvolava il mar Tirreno tra la Sicilia e la Sardegna.

L’areo ha perso infatti quota per oltre 7 mila metri, a bordo del velivolo è stato il panico. Dalle cappelliere sono improvvisamente scese le mascherine per l’ossigeno con il personale di bordo che ha invitato alla calma e ha fatto indossare le stesse ai passeggeri. Molti si aspettavano che l’aereo tentasse un atterraggio di fortuna in Italia, magari a Cagliari, invece ha fatto ritorno a bassa quota verso la Tunisia. Non più a Enfidha ma a Tunisi.

Le testimonianze dei passeggeri raccontano di pensieri orribili, in molti hanno pensato di morire, molte mascherine non sono nemmeno uscite dagli alloggiamenti che sono stati forzati dalle hostess con dei cacciavite. Una volta atterrati sani e salvi a Tunisi per i passeggeri è iniziata una lunga attesa durata più di sei ore senza cibo e viveri.

Fortunatamente, alle 3.30 di domenica, i centotrenta turisti sono ritornati in Italia sani e salvi, con un giorno di ritardo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento